2 nuovi lanci per SpaceX

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La società privata SpaceX ha firmato un contratto di lancio per 2 satelliti dell'Agenzia Spaziale Argentina "CONAE", da effettuarsi con un vettore Falcon 9 nel biennio 2012-13.

SAOCOM 1A e 1B verranno lanciati in orbite eliosincrone da cui provvederanno ad osservazioni della Terra riguardanti risorse, disastri ed emergenze naturali.
Insieme ai 4 satelliti COSMO-SkyMed dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), dotati di X-band Synthetic Aperture Radar" (SAR), formeranno il sistema congiunto per la gestione delle emergenze naturali "Italian-Argentine System of Satellites for Emergency Management" (SIASGE).

Entrambi i SAOCOM saranno dotati di un "L-band SAR ed uno dei loro compiti principali sarà la misurazione dell'umidità del terreno nella regione della Pampa Hùmeda in Argentina.

La CONAE (Comisión Nacional de Actividades Espaciales) vanta, oltre che al lancio di 3 satelliti, numerose collaborazioni con varie agenzie mondiali, tra cui: NASA, CSA, AEB/INPE (Brasile), ASI, CNES ed ESA.

Il presidente di SpaceX Elon Musk si è detto molto soddisfatto del contratto acquisito e spera, tramite i suoi lanciatori Falcon 9, di garantire pieno successo alle missioni SAOCOM.

SpaceX, che impiega più di 660 dipendenti in 4 stati dell'Unione, è in grande ascesa sul mercato dei lanciatori ed ultimamente, nel settembre 2008, il suo vettore Falcon 1 è diventato il primo razzo privato, a combustibile liquido, ad immettere in orbita un carico utile.

Il volo inaugurale del primo Falcon 9 è previsto per quest'anno da Cape Canaveral, dove la società di Musk ha in gestione una propria rampa di lancio.
Il Falcon 9 sarà anche il lanciatore della capsula Dragon, con cui SpaceX si è aggiudicata il contratto COTS (Commercial Orbital Transportation Services) della NASA, che avrà la capacità di rifornire la ISS ed eventualmente rientrare a terra, sia in versione cargo che manned.

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.