Virgin Galactic presenta i propri aggiornamenti al SatExpo Europe

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Virgin Galactic, attraverso la propria direttrice vendite Carolyn Wincer, ha presentato al SatExpo Europe di Roma gli ultimi aggiornamenti sull'attività di sviluppo, innanzitutto del proprio aereo madre WhiteKnightTwo realizzato interamente in materiali compositi e con l'obiettivo primo dell'efficienza energetica.

L'aereo madre ha già compiuto i primi due voli di collaudo che sono serviti, anche se non confermato ufficialmente, a correggere alcuni problemi di stabilità latero-direzionale considerati risolvibili nel programma di sviluppo. Per la prossima settimana è previsto il terzo volo di collaudo che si svolgerà a circa 20.000ft di quota.

Per quanto riguarda invece la navicella suborbitale ospitata nelle prime fasi di volo sotto l'ala del WK2 lo sviluppo procede nella massima riservatezza, con un rollout previsto entro fine anno, la navicella permetterà di contenere le accelerazioni entro i 6G con un volo a 120km
di quota.

Attualmente sono già stati prenotati circa 300 voli turistici con le attività di addestramento e visite mediche soprattutto in centrifuga con soggetti di età compresa fra i 18 e gli 83 anni con il 92% di idoneità al volo riscontrata.
L'addestramento dei piloti, direttamente reclutati fra i più esperti di Virgin Atlantic e che voleranno la WK2 è già iniziato nel simulatore di Virgin Galactic nel Mojave.  Lo stesso aereo madre potrà essere utilizzato per una moltitudine di scopi diversi con payload agganciabili sia scientifici che commerciali e per ricerca in generale.

Nel frattempo prosegue la costruzione dello Spaceport America nel Mojave ed è di pochi giorni fa la notizia della conclusione dell'accordo per la realizzazione del Spaceport Sweden a Kiruna in Lapponia.

Per l'Italia è responsabile dei voli l'Agenzia Your Private Italy di Salerno che avrà l'esclusiva per il nostro Paese nelle prenotazioni dei voli, messi in vendita a 200.000$ “all inclusive”, comprendendo – oltre al volo suborbitale – tre giorni di alloggio in albergo a cinque stelle nel deserto del Mojave, base dei voli, le visite mediche e un breve addestramento.

Nelle foto alcune fasi della costruzione della SpaceShipTwo e uno dei futuri piloti della WK2 al simulatore.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Potrebbero interessarti anche...