Proposte e idee per il calendario lanci Shuttle

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Mentre è arrivato al KSC il serbatoio esterno per la missione di supporto al telescopio Hubble sono state valutate oggi alcune proposte per l'ottimizzazione del calendario dei lanci per il prossimo anno, piuttosto intenso e con l'incombenza di STS-125 e Ares I-X.
STS-125 rimane programmata per Maggio, coma la successiva missione STS-127, che prima sarà la LON della missione verso Hubble, questa sequenza è però potenzialmente un rischio per il programma di attività verso la ISS e il supporto all'equipaggio allargato a 6 astronauti, nonchè allo svolgimento il prima possibile della missione Ares I-X.
Per quanto riguarda quest'ultima necessità è ancora in fase di valutazione, e lo sarà almeno fino a Gennaio, la possibilità di utilizzare un solo pad, anzichè gli attuali due per la missione (e la relativa LON) STS-125, liberando quindi il 39B per il programma Constellation a Luglio e non a Ottobre.
E' anche stata valutata la possibilità di invertire le missioni STS-127 (con la piattaforma esterna di Kibo) e STS-128 (con un MPLM) per assicurare i necessari rifornimenti per l'intero equipaggio della ISS, nel caso il programmato HTV avesse problemi alla prima missione, ma se questa non andasse a buon fine e ci fosse un ulteriore ritardo nel programma di lanci della navetta un po' di rifornimenti sarebbe inviati tramite un Progress.
Mentre questa ipotesi di scambio è stata scartata vista la possibilità di trasportare tutto il necessario anche nella peggiore delle ipotesi rimane in considerazione un'altra possibilità di inversione, ovvero quella fra le missioni STS-129 e STS-131 in quanto i ritardi nel programma di lancio andrebbero a vanificare tutte le assegnazioni degli equipaggio sulla ISS e il loro addestramento rispetto ai compiti che saranno realmente chiamati a svolgere.
Con il primo scambio (fra STS-127 e STS-128) si puntava ad avere la Stott a bordo durante l'arrivo di HTV visto il suo particolare addestramento in caso di ulteriori ritardi, mentre si potrebbe anticipare STS-131 nel caso il primo volo di HTV andasse male e non fosse possibile portare rifornimenti sulla ISS.
Altri limiti sono posti dall'addestramento per l'arrivo delle prime capsule COTS (senza aggancio) entro fine 2009 e quello per le altre fasi e materiali delle missioni.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.