NASA ritarda la missione MSL: si parte nel 2011

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

NASA ha comunicato che la missione robotica MSL (Mars Science Laboratory) verso il pianeta Marte verrà ritardata di due anni, con un lancio nel 2011 anzichè nell'ottobre del 2009. La missione invierà un rover sulla superficie del pianeta rosso, per continuare la ricerca scientifica di NASA dopo i MER e Phoenix.

La data di lancio originariamente prevista per il 2009 è stata spostata per dei ritardi con i test dell'hardware del sistema, considerando la loro importanza per il successo di una missione così innovativa. La finestra di lancio è infatti dettata dalle posizioni relative di Terra e Marte: è quindi possibile lanciare verso Marte, senza particolari cambi di orbita molto costosi, per poche settimane ogni due anni, da cui lo slittamento al 2011.

La decisione di posporre il lancio si è presentata per l'impossibilità di condensare ulteriormente lo schedule dei test di sistema di MSL, sebbene un ritardo della missione comporterà maggiori costi. Negli ultimi tre mesi è stata completata una review sullo stato della missione, che ha portato inevitabilmente alla decisione di posporre il lancio.

Gli aspetti innovativi della missione saranno molteplici: il rover verrà rilasciato da uno stadio di discesa sulla superficie marziana, e non da un airbag per la grande massa del rover. La massa degli strumenti scientifici sarà di dieci volte maggiore a quella dei MER, Spirit e Opportunity.

Attualmente sono prese in considerazione quattro siti di atterraggio in cui si pensa che, in passato, ci potesse essere dell'acqua, in grado di ospitare organismi viventi.