Endeavour STS-126 è atterrato alla Edwards Air Force Base

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Lo Space Shuttle Endeavour STS-126 ha concluso da poco la sua missione rientrando nella base Air Force di Edwards (California) alle 22:25 ora italiana, dopo una missione di 16 giorni e più di 7 milioni di chilometri percorsi.

La missione ha portato a termine il suo servizio verso la Stazione Spaziale Internazionale, necessario per garantire le necessarie modifiche e riparazioni alla luce dell'aumento dell'equipaggio della stazione. Queste hanno incluso un nuovo sistema di trattamento dell'acqua, dei nuovi "posti letto", una seconda toilette e attrezzi per le attività ginniche. Sono state anche effetuate delle riparazioni a due Solar Alpha Rotary Joints, che permettono ai pannelli di seguire il Sole per lavorare in modo ottimale.

Il comandante Chris Ferguson, il pilota Eric Boe e gli specialisti di missione Donald Pettit, Steve Bowen, Heidemarie Stefanyshyn-Piper, Shane Kimbrough sono rientrati con Endeavour, mentre Sandra Magnus è rimasta sulla ISS per sostituire Greg Chamitoff, rientrato a Edwards. Il rientro in California si è reso necessario per le condizioni di venti forti e temporali in Florida, nelle prime due opportunità di landing. Per questo motivo Endeavour sarà trasportato al Kennedy Space Center con lo Shuttle Carrier Aircraft (SCA), per procedere con le preparazioni del prossimo volo della navetta, prevista per l'anno prossimo.
 
La missione di Endeavour è stata la 124 del programma Shuttle, il ventiduesimo volo dell'orbiter e la ventisettesima missione STS alla stazione.

I prossimi obiettivi del programma Shuttle comportano il lancio di STS-119 a febbraio, a partire dal 12. Lo shuttle Discovery porterà gli ultimi pannelli solari sulla ISS.