STS-125 missione a rischio, probabile rinvio al 2009 per grave problema Hubble

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Un problema generale sul sistema di controllo "side A", ovvero uno dei due canali ridontanti sta mettendo a serio rischio la missione di riparazione di Hubble, che con alta probabilità verrà lanciata anzichè fra due settimane a Febbraio 2009.
Il problema ha completamente fermato tutte le attività scientifiche del telescopio e a questo punto si proverà ad utilizzare in condizioni d'emergenza il "side B", procedura mai utilizzata da quando Hubble è in orbita per cercare di ripristinare l'invio temporaneo di dati a terra.
Attualmente il "side A" del CUSDF (Control Unit/Science Data Formatter) è in safe mode, un tentativo di ripristino è fallito e si sta operando per trasferire le operazioni sull'altro canale.
L'operazione dovrebbe concludersi per fine settimana, se avesse successo il lancio potrebbe avvenire come programmato se invece fallisse sarebbe la fine del telescopio Hubble non essendoci modo di reinviare a terra alcun tipo di dato scientifico e ovviamente STS-125 non avrebbe luogo.
Se il ripristino avesse successo è comunque probabile che la missione sarà deferita almeno fino a febbraio 2009 per poter testare il sistema di backup a terra per la sostituzione.
Se il rinvio fosse confermato STS-126 sarebbe lanciata comunque a novembre e l'effetto più grosso sarebbe sul programma Constellation in quanto la rampa non potrebbe sino ad allora venir convertita per il nuovo uso.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.