RFI per abbattimento LC39 al KSC

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La NASA ha pubblicato una Request for Information (RFI) per eventuali Società interessate all'abbattimento della FSS (Fixed Service Structure) e la RSS (Rotating Service Structure) della rampa 39B del KSC, in particolare si cercano idee, opinioni e programmi per la demolizione e lo smantellamento del materiale.
Il proposito è quello di raccogliere idee e progetti esclusivamente per la demolizione della RSS e FSS senza danneggiare il basamento e le strutture sottostanti e possibilmente riciclando e smaltendo il materiale.
La demolizione della RSS comprenderà tutta la struttura mobile compreso il mezzo per il suo spostamento senza però danneggiare la rotaia sottostante o il ponte su cui scorre.
Il peso della RSS è di circa 4500t per la maggior parte di acciaio, ma anche di rame, alluminio e acciaio inossidabile, tutto il materiale sarà ceduto all'impresa di demolizione.
Per la FSS è compresa nella demolizione tutta la struttura sul pad più alta del livello del terreno comprese tutte le strutture supportate dalla FSS che fuoriescono dal perimetro di lancio, come ad esempio il sistema di fuga e la demolizione dovrebbe avvenire sul luogo, tagliando in sezioni la struttura per non danneggiare la rampa sottostante, con l'uso di esplosivi che non sarà quindi permesso.
Tutte le condutture che arrivano sotterranee e fuoriescono al di sotto della rampa dovranno essere chiuse e sigillate al di sotto del terreno.
Il piano della rampa e le strutture al livello del terreno dovranno essere protette durante la demolizione con l'impossibilità di utilizzare mezzi troppo pesanti (oltre le 100t) per non danneggiare il terreno del pad.
Al contractor verrà assegnata un'area intorno alla rampa in cui potrà accumulare il materiale, da portare via il prima possibile, prima del trasporto all'esterno del KSC, il quale potrà avvenire su gomma, su rotaia o via mare; un sito proposto potrebbe essere la crawler-way ma potranno essere richiesti anche altri spazi.
Tutto il materiale diverrà proprietà del contractor che smantellerà la rampa, con l'obbligo di distruggere tutto gli inerti con dimensioni maggiori di 60cm e distruggere o rendere irriconoscibile ogni attrezzatura da smantellare.
Non sono presenti limitazioni particolari per demolizioni o salvaguardia di siti storici.
Dovranno essere infine considerati i periodi di sospensione dei lavori per il lancio di Ares I-X il prossimo anno.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.