Primo lancio Land Launch: in orbita satellite israeliano

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

È stato effettuato ieri con successo da Baikonur il lancio inaugurale del sistema russo-ucraino Land Launch, basato sul vettore Zenit 3SL utilizzato per il Sea Launch per lanci equatoriali da piattaforma marina mobile. La differente latitudine di lancio (Baikonour si trova a 46° Nord) comporta una riduzione dei pesi massimi in orbita, con payload fino a 6.000 chili in orbita di trasferimento geostazionaria (GTO) per il Sea Launch, che scendono a soli 3.600 nel caso del Land Launch.
Land Launch è di proprietà della Space International Services (SIS) con base a Mosca. In futuro, la Sea Launch contratterà con la Land Launch i lanci da effettuare, dopo aver raccolto richieste di possibili clienti. La Boeing, che detiene il 40% delle azioni della Sea Launch, non è entrata nella Land Launch.
Il sistema si pone come competitore dei futuri lanci Soyuz da Kourou, in programma dal 2009. La posizione equatoriale permetterà infatti al vettore russo di portare in orbita di trasferimento geostazionaria payload di oltre tre tonnellate.
Il primo satellite messo in orbita dalla Land Launch è stato l’israeliano Amos-3, un veicolo da 1.300 chili destinato alle telecomunicazioni.

Fonte: dedalonews.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.