"Qui Regina Elisabetta II, ISS mi sentite?"

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

L’ultima tappa del viaggio ufficiale della Regina Elisabetta II d’Inghilterra negli USA è stato un incontro, almeno virtuale con l’equipaggio a bordo della ISS.
L’evento si è svolto al Goddard Space Flight Center, condotto dall’astronauta americano, ma nato a Cambridge, Mike Foale e che ha coinvolto l’Exp. 15, ovvero Suni Williams, Fyodor Yurchikhin e Oleg Kotov.
La Regina non ha comunque parlato direttamente con l’equipaggio, a causa della non preventivata visita, lasciando il compito a Foale che ha rivolto una piccola serie di domande agli astronauti.
In seguito la regnante ha visitato il centro e incontrato Mike Griffin e Bill Gerstenmaier, i quali hanno illustrato i programmi futuri di ritorno alla Luna della NASA e presentato il lavoro sulla ISS presentando i componenti delle spedizioni come un moderno equipaggio del capitano Cook a bordo dell’Endeavour.
La regina ha poi rivolto una serie di domande a Foale sull’argomento, la prima è stata "Quante volte sei stato nello spazio?" e Foale ha risposto "Sei volte, di cui l’ultima a bordo della ISS, per sei mesi fra il 2003 e il 2004 come comandante della mia spedizione insieme a un russo"
"Da allora abbiamo aggiunto un membro all’equipaggio e in questo momento abbiamo anche Suni Williams che è lassù da 5 mesi ormai…"
"Quindi quanto tempo rimanete nello spazio" ha continuato la Regina "sempre sei mesi?", "Tipicamente si, ma dipende anche dalle rotazioni degli shuttle, comunque sei mesi è la durata standard" " Ci si sente un po’ soli ogni tanto, ma abbiamo contatti con le nostre famiglie ogni giorno, non possiamo però toccarli e accarezzarli per molto tempo…"
La Regina si è dimostrata molto interessata annuendo e sussurrando "fascinating" molte volte mentre le venivano illustrati i vari aspetti della vita spaziale.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.