L-482: Qualcuno è ancora sveglio?

Un modulo pompa della ISS viene stivato nel vano di carico dello Shuttle durante STS-135. Fonte: NASA
Un modulo pompa della ISS viene stivato nel vano di carico dello Shuttle durante STS-135. Fonte: NASA
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 6 agosto 2013—Oggi l’addestramento è iniziato con un corso sul payload SAMS: è lo Space Acceleration Measurement System (sistema di misura dell’accelerazione spaziale), una serie di sensori interconnessi lungo tutta la ISS che da oltre dieci anni stanno caratterizzando l’ambiente a microgravità sulla Stazione. Le telecamere interne potrebbero essere spente oltre gli orari di lavoro, ma i controllori a terra di SAMS sanno sempre dalla telemetria sull’accelerazione se in orbita è ora di dormire o se c’è ancora attività a bordo!

Per il resto della giornata pianificherò principalmente la sessione di addestramento nella piscina di venerdì. Come ho già detto, ci eserciteremo su uno scenario d’emergenza in cui dobbiamo sostituire un modulo pompa. È un componente vitale, perché mantiene il fluido di raffreddamento in circolazione in uno dei nostri due circuiti del sistema di controllo termico esterno. Con un modulo pompa non funzionante perdiamo molta della ridondanza sulla Stazione, a cominciare da metà dell’alimentazione elettrica. Sostituire un modulo pompa è un’attività da 3 EVA, ma venerdì faremo pratica solo con una di queste, la EVA numero 2. Il lavoro di preparazione sarà già stato fatto e saremo pronti a fare scorrere il modulo pompa guasto fuori dalla sua sede e installare un ricambio.

Un modulo pompa si è guastato in passato! Nella foto potete vedere un modulo guasto mentre viene stivato nel vano di carico dello Shuttle durante STS-135 due anni fa. Vi dà un’idea delle sue dimensioni. E alcuni componenti, come le batterie, sono ancora più grandi!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Copyright immagine: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19875

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Potrebbe anche interessarti...

  • Andrea Menicucci

    Fantastico!