Successo del volo inaugurale di Ceres-1, un razzo privato cinese

Il momento dell'accensione dei motori prima del lancio di Ceres-1. Credit: CGTN.

Lo scorso 7 novembre, alle 08:12 italiane (le 15:12 ora locale), Galactic Energy ha lanciato con successo la missione Tianqi-11 con un razzo Ceres-1. Il vettore è decollato dal centro spaziale Jiuquan, in Cina. Si è trattato del volo inaugurale della compagnia privata cinese, la prima a debuttare da quando è iniziata la pandemia COVID-19.

Si tratta di un vettore molto piccolo, di soli 19 metri di altezza, un lanciatore superleggero che non ha bisogno nemmeno di strutture in rampa di lancio per sorreggerlo al momento della partenza. I suoi motori a propellente solido non richiedono una grossa attenzione, come i ben più usati motori a combustibili liquidi criogenici che hanno bisogno del rifornimento pochi minuti prima del lancio. Il suo carico massimo è di soli 230 kg in orbita polare e con questa missione ha rilasciato correttamente in orbita un unico satellite. Dopo il successo dell’operazione, l’ultimo stadio ha eseguito intenzionalmente una manovra di deorbitamento per evitare l’accumulo di detriti spaziali in orbita terrestre bassa, un problema che ultimamente sta sollevando questioni importanti sulla sostenibilità delle attività spaziali.

Il satellite lanciato è Tianqi-11, un nuovo elemento della costellazione Apocalypse di Guodian Gaoke per il supporto dall’orbita dell’uso delle tecnologie IoT (Internet of Things) in zone a copertura con sistemi tradizionali ridotta, come ad esempio in alto mare. Il lancio segue di poco più di una settimana Tianqi-6, un CubeSat di 8 chilogrammi circa spedito in rideshare con i satelliti di ricognizione Yaogan.

Tianqi-11 è un satellite leggermente più grande di Tianqi-6, ha una massa di 50 kg circa ed è costruito con lo stesso bus di Tianqi-10, in orbita da luglio 2020 e lanciato anch’esso in rideshare con Ziyuan-3 03. Una volta completata la costellazione, i satelliti Apocalypse saranno 38 in totale e contribuiranno a un sistema di controllo e automazione integrato su cui la Cina sta investendo molto negli ultimi anni.

Il video completo del lancio.

Fonte: Global Times.

  © 2006-2021 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Gianmarco Vespia

La scienza è importante. Ne ho fatto parte tanti anni fa, ma ho dovuto abbandonare la carriera. In Italia manca il supporto agli scienziati, in molti modi: sostegno, fiducia, credibilità, rispetto e finanziamenti. ISAA mi ha dato la possibilità di diventare divulgatore e di raggiungere un pubblico interessato e appassionato in questo piccolo settore che è l'astronautica. La scienza si muove troppo in silenzio, occorre pazienza e attenzione per capirla e apprezzarla, per spiegarla alle nuove generazioni, appassionarle e permettergli di costruire un futuro migliore per sé e per il mondo intero.