Apollo 11, l’ingresso nel modulo lunare in diretta TV

18 luglio 1969

Dal nostro inviato a Houston.

Nel terzo giorno di missione e a 324.000 km di distanza dalla Terra, oggi l’equipaggio dell’Apollo 11 ha effettuato una lunga diretta televisiva non pianificata, riprendendo alcune attività dall’interno sia del modulo di comando Columbia che di quello lunare (LM) Eagle.

La Terra vista da 321.000 km.

All’inizio del video si vede il comandante Armstrong operare all’interno del tunnel di collegamento tra i due moduli e rimuovere il portello interno della capsula e il meccanismo di cattura e aggancio con Eagle.
Armstrong ha quindi lasciato il posto ad Aldrin che, dopo aver aperto il portello di accesso, per primo è entrato nel modulo lunare. Una volta all’interno, Aldrin ha verificato l’assenza di oggetti di rilievo fluttuanti, salvo qualche vite, bullone e rondella.

Edwin Aldrin all’interno di Eagle, nella postazione di Armstrong. In basso al centro il portello di uscita. Composizione di sei foto, credit Jon Hancock

Le immagini dall’interno del LM sono inizialmente un po’ buie, ma dopo aver rimosso le coperture termiche dai finestrini la qualità è decisamente migliorata. Oltre che gli innumerevoli quadri di comando, sono chiaramente visibili gli zaini PLSS (Portable Life Support System: sistema portatile di supporto vitale) e i copri caschi per l’attività sulla Luna, con all’interno i guanti.

Il video integrale

Fonte e foto credit: NASA.

  Questo articolo è © 2006-2024 dell'Associazione ISAA, ove non diversamente indicato. Vedi le condizioni di licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino. Dopo studi e lavoro nel settore chimico industriale, per un decennio mi sono dedicato ad altro, per inserirmi infine nel settore dei materiali compositi anche per applicazioni aerospaziali. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione.