ISS Weekly Status Report – 09.2018

ISS, Shuttle, Soyuz ed ATV

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

26 marzo

Lab Major Constituent Analyzer (MCA) Status
Il Lab MCA ha terminato venerdì scorso le 72 ore richieste per una completa asciugatura. Questo fine settimana, la telemetria indicava che i residui d’acqua erano ancora troppo elevati per effettuare una corretta calibrazione. A partire da questa mattina, la rilevazione dei livelli dell’acqua indicava che i valori erano rientrati nella norma, ma ancora troppo alti per procedere con una attivazione nominale. Il Failure Investigation Team (FIT) si è riunito oggi alle ore 12:00 CDT per capire se sia possibile effettuare la calibrazione entro domani.

Lack of Data from Microgravity Experiment Research Locker Incubator (MERLIN) 1 and Station Acceleration Measurement System (SAMS)
Dall’attivazione dei nuovi Improved Payload Ethernet Hub Gateway (iPEHG), effettuata nel corso dello scorso fine settimana, MERLIN 1 e SAMS, installati all’interno dell’Express Rack 3 (ER3), risultano scollegati dalla rete dati. I Ground team hanno tentato la ricarica del file di configurazione del Columbus iPEHG, ma l’operazione non ha avuto successo. L’analisi odierna ha permesso di identificare la presenza di dati errati nel software PEHG. Una nuova configurazione del software ha permesso il corretto ripristino delle comunicazioni con i sensori di MERLIN e SAMS.

Manufacturing Device (MD)
L’equipaggio ha rimosso e stivato un oggetto stampato in 3D da Manufacturing Device. Il Manufacturing Device-Additive Manufacturing Facility (AMF) consente la produzione di componenti 3D sulla ISS per conto della NASA e per scopi commerciali. Manufacturing Device è costituito dall’Additive Manufacturing Facility (AMF), un impianto di produzione permanente installato sulla ISS. AMF è in grado di produrre pezzi on-demand. AMF permette la riparazione immediata di componenti essenziali della ISS, essendo in grado di produrre pezzi più grandi, di più elevata complessità e di più grande precisione rispetto a quanto prodotto fino ad oggi sulla ISS.

Cloud-Aerosol Transport System (CATS)
Questa notte, i Ground Controller giapponesi utilizzeranno il Japanese Experiment Module (JEM) Remote Manipulator System (JEMRMS) per trasferire la JEM Exposed Facility (EF) dalla posizione #3 alla posizione #8. Il payload CATS è scollegato dalla rete elettrica dal 30 ottobre 2017. Ogni tentativo di risoluzione non ha avuto successo. L’indagine denominata Cloud-Aerosol Transport System (CATS) utilizza un LiDAR (Light Detection And Rranging) per misurare la posizione, la composizione e la distribuzione dell’inquinamento, delle polveri, dei fumi ed altre particelle dell’atmosfera. CATS è montato all’esterno del Japanese Experiment Module’s Exposed Facility ed è utilizzato per studiare come i componenti dell’atmosfera possono influire sul clima della Terra.

Transparent Alloys Operation
L’equipaggio ha rimosso e stivato la cartuccia e lo strumento Transparent Alloys, ripristinando la configurazione originaria del Microgravity Science Glovebox (MSG). Lo scopo di questo esperimento è quello di studiare le instabilità morfologiche di leghe eutettiche binarie solidificate direzionabili e trasparenti in condizioni puramente diffusive. Si prevede di osservare in tempo reale la dinamica delle strutture frontali eutettiche con una risoluzione in scala micrometrica, su scala centimetrica e per lunghi periodi di tempo. Tali osservazioni sarebbero fortemente sensibili ai moti convettivi nel liquido, che, in condizioni ordinarie sulla Terra, comportano una ridistribuzione dannosa del soluto su una scala paragonabile alla dimensione del contenitore. Tali moti convettivi non sono presenti in microgravità.

Lighting Effects
Appena sveglio, un membro dell’equipaggio della Soyuz 53S ha avviato la sessione giornaliera di registrazione delle caratteristiche del proprio ciclo di sonno/veglia. L’esperimento Lighting Effects desidera quantificare e qualificare gli effetti dell’illuminazione sull’abitabilità dei veicoli spaziali. Tutte le fonti luminose della ISS verranno sostituite con un nuovo sistema progettato per migliorare la salute ed il benessere dell’equipaggio. L’indagine Lighting Effects studia l’impatto del cambiamento portato dalla sostituzione delle lampadine fluorescenti con luci led ad intensità luminosa e colore regolabili, per capire se le nuove luci potranno migliorare i ritmi circadiani dell’equipaggio. I risultati di questa indagine avranno importanti ricadute anche su tutte le persone a Terra che fanno uso di lampade ad incandescenza. Gli SSLA sono stati progettati per sostituire i General Luminaire Assemblies (GLA) per migliorare l’acuità visiva e per fornire una miglior soluzione per affrontare i disagi dovuti ai ritmi circadiani ed al ciclo del sonno dell’equipaggio. Per raggiungere questi obiettivi, gli SSLA sono stati progettati per funzionare in 3 modalità di spettro luminoso distinte. Le diverse modalità di funzionamento hanno a che fare con la gestione della porzione del blu fornita dalla luce delle lampade; la luce blu ha impatti sulla produzione di melatonina che a sua volta ha impatti sul sonno.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
Sono proseguiti oggi i preparativi della US EVA #49 – installazione del Node 3 External Wireless Communications (EWC) – prevista per giovedì 29 marzo 2018. Sono state ripassate tutte le procedure, è stato eseguito l’inventario degli attrezzi e sono stati visualizzati i percorsi esterni utilizzando lo strumento Dynamic Onboard Ubiquitous Graphics (DOUG).

Crew Medical Officer (CMO) On-Board Training
Due membri dell’equipaggio hanno effettuato una sessione di formazione che prevedeva il ripasso delle procedure mediche. Questo addestramento viene svolto periodicamente per garantire che i Crew Medical Officer (CMO) mantengano le competenze necessarie per fornire risposte alle emergenze sanitarie dell’equipaggio.

Dragon On-Board Training (OBT)
L’equipaggio, in previsione dell’arrivo del cargo Dragon della missione SpX-14, ha svolto una nuova sessione di addestramento che ha avuto come oggetto il ripasso delle procedure nominali di avvicinamento e cattura del cargo. La missione SpX-14 decollerà il 2 aprile 2018 per portare Dragon all’attracco con la ISS il 4 aprile 2018.

Cloud-Aerosol Transport System (CATS) Relocation
Stasera, i Ground Controller trasferiranno il payload CATS dal Japanese Experiment Module (JEM) Exposed Facility Unit (EFU)-3 all’EFU-8. Questo trasferimento permetterà di liberare lo slot #3 che in futuro dovrà supportare il payload Orbiting Carbon Observatory-3 che giungerà sulla ISS entro la fine dell’anno.

 

27 marzo

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
Sono proseguiti oggi i preparativi della US EVA #49 – installazione del Node 3 External Wireless Communications (EWC) – prevista per giovedì 29 marzo 2018. Sono state completate le configurazioni dell’Airlock, delle Extravehicular Mobility Unit (EMU) ed è stato effettuato il rabbocco d’acqua degli EMU Water Tank and Liquid Cooling Ventilation Garment (LVCG).

Television Camera Interface Converter (TVCIC) Fastener Remove and Replace (R&R)
Due membri dell’equipaggio hanno sostituito i tre dispositivi di fissaggio del Television Camera Interface Converter (TVCIC) giunti a fine vita. Questi dispositivi sono utilizzati per legare in sicurezza la Video Stanchion Support Assembly (VSSA). Il TVCIC, che sarà installato nel corso della attività extraveicolare di giovedì prossimo, è un dispositivo necessario per il funzionamento dell’External Television Camera Group (ETVCG).

Cloud-Aerosol Transport System (CATS) Relocation
Durante la notte, i Ground Controller hanno trasferito il payload CATS dal Japanese Experiment Module (JEM) Exposed Facility Unit (EFU)-3 all’EFU-8. CATS, installato nella nuova posizione, è stata alimentato per 4 minuti ma il payload non si è attivato, facendo pensare ad un guasto dello strumento. CATS è ora spento e rimarrà nella attuale posizione fino a quando non verrà rimosso per essere inviato a Terra a bordo del cargo Dragon della missione SpaceX-17.

Lab Major Constituent Analyzer (MCA)
Nel corso della notte, gli specialisti a Terra hanno completato con successo una calibrazione del Lab MCA. I dati provenienti dall’unità appaiono corretti ed accurati come da specifiche. Da questo momento il LAB MCA è stato dichiarato “GO” per l’uso.

AstroPi
Per preparare la sfida europea AstroPi 2017-2018, l’equipaggio ha installato su entrambi gli AstroPi nuove schede Micro SD su cui era stato memorizzato un sistema operativo aggiornato. Sono inoltre stati installati un dongle wireless ed un filtro ottico sulla telecamera ad infrarossi.
[NDT: AstroPi si compone di un Raspberry Pi B+, un Sense HAT (Hardware Attached on Top) ed un modulo fotocamera, il tutto contenuto in una custodia di protezione in alluminio. Raspberry Pi è un computer delle dimensioni di una carta di credito che consente agli studenti di imparare a programmare. A bordo della ISS vi sono due AstroPi: AstroPi Vis, con una macchina fotografica per effettuare fotografie in ambienti ben illuminati, ed AstroPi IR, dotato di una telecamera ad infrarossi. Entrambi gli AstroPi eseguiranno programmi scritti dai vincitori di un concorso per studenti e raccoglieranno i dati provenienti da vari sensori (movimento inerziale, pressione barometrica, umidità relativa e temperatura). I dati raccolti saranno condivisi tra tutte le scuole.]

Veg-03
L’equipaggio ha innaffiato le piante di lattuga dopodiché ha selezionato e raccolto alcune foglie per il consumo. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veg-03 utilizza l’impianto di crescita Veggie per coltivare sulla ISS un tipo di cavolo, lattuga e mizuna.

Meteor
L’equipaggio ha sostituito il disco rigido del portatile Meteor posto all’interno della Window Observational Research Facility (WORF). Il payload Meteor è uno strumento per l’analisi dello spettro visibile il cui scopo primario è l’osservazione di meteore nell’orbita terrestre. L’indagine Meteor consiste nell’acquisizione di video ed immagini ad alta risoluzione dell’atmosfera terrestre, successivamente rielaborati da un particolare software, per la ricerca dei punti luminosi e l’osservazione di meteoriti in orbita terrestre.

Food Acceptability
L’equipaggio ha compilato oggi un nuovo questionario sulla Food Acceptability. Questa indagine intende determinare l’impatto del consumo ripetuto di cibo sull’accettabilità degli alimenti nell’ambito dell’attuale sistema alimentare, obbligatoriamente limitato, in vigore sulla ISS. I risultati verranno utilizzati per sviluppare nuove strategie per migliorare la varietà e la composizione del cibo a supporto della salute e delle prestazioni degli equipaggi impegnati in missioni di lunga durata.

Lighting Effects
Appena sveglio, un membro dell’equipaggio della Soyuz 53S ha annotato le caratteristiche del proprio ciclo di sonno/veglia ed ha condotto 3 test Cognition nell’arco della giornata. L’esperimento Lighting Effects desidera quantificare e qualificare gli effetti dell’illuminazione sull’abitabilità dei veicoli spaziali. Tutte le fonti luminose della ISS verranno sostituite con un nuovo sistema progettato per migliorare la salute ed il benessere dell’equipaggio. L’indagine Lighting Effects studia l’impatto del cambiamento portato dalla sostituzione delle lampadine fluorescenti con luci led ad intensità luminosa e colore regolabili, per capire se le nuove luci potranno migliorare i ritmi circadiani dell’equipaggio. I risultati di questa indagine avranno importanti ricadute anche su tutte le persone a Terra che fanno uso di lampade ad incandescenza. Gli SSLA sono stati progettati per sostituire i General Luminaire Assemblies (GLA) per migliorare l’acuità visiva e per fornire una miglior soluzione per affrontare i disagi dovuti ai ritmi circadiani ed al ciclo del sonno dell’equipaggio. Per raggiungere questi obiettivi, gli SSLA sono stati progettati per funzionare in 3 modalità di spettro luminoso distinte. Le diverse modalità di funzionamento hanno a che fare con la gestione della porzione del blu fornita dalla luce delle lampade; la luce blu ha impatti sulla produzione di melatonina che a sua volta ha impatti sul sonno.

Microgravity Science Glovebox (MSG)
Oggi l’equipaggio ha concluso la manutenzione ordinaria del Microgravity Science Glovebox (MSG). Sono stati ispezionati e puliti i filtri e la ventola dell’MSG Avionics Air Assembly (AAA) e sono state lubrificate le guide di scorrimento.

Dragon On-Board Training (OBT)
L’equipaggio incaricato di gestire il braccio robotico durante le operazioni di avvicinamento ed attracco del cargo Dragon ha effettuato oggi una serie di sessioni con il Robotics Onboard Trainer (ROBoT). La missione SpX-14 verrà lanciata il prossimo 2 aprile 2018, mentre l’attracco alla ISS del cargo Dragon avverrà il 4 aprile 2018.
[NDT : ROBoT è costituito da due distinti software principali. Il primo è responsabile della visualizzazione delle scene grafiche, mentre i restanti sono responsabili della simulazione del Mobile Servicing System (MSS), del Japanese Experiment Module Remote Manipulator System (JEMRMS) e dell’H-II Transfer Vehicle (HTV) Free Flyer Robotics Operations. Il software di MSS include: simulatore del Robotic Workstation (RWS), simulatore dello Space Station Remote Manipulator System (SSRMS), simulatore dell’ISS Command and Control System (CCS) ed di un aspetto del software installato sui Portable Computer System (PCS), necessario per gestire le operazioni con MSS.]

 

28 marzo

68 Progress (68P) Undock
La Progress 68P si è sganciata con successo questa mattina alle ore 08:50 CDT dal Docking Compartment 1 (DC-1). Questo cargo, prima di rientrare e bruciare al contatto con l’atmosfera terrestre, condurrà esperimenti di volo libero dal 3 al 24 aprile. Una serie di accensioni programmate per il 29 marzo ed il 2 aprile collocheranno il velivolo in una specifica orbita. Il deorbit burn è previsto per mercoledì 25 aprile alle ore 23:15 CDT, a cui farà seguito l’ingresso distruttivo in atmosfera terrestre.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
L’equipaggio ha concluso oggi le ultime attività previste per l’US EVA #49 – installazione del Node 3 External Wireless Communications (EWC) – in programma domani. Ciascun astronauta si è sottoposto ai consueti esami fisici che precedono una attività extraveicolare, sono state verificate le configurazioni degli EVA Tool e degli Equipment Lock, sono state ripassate le procedure ed infine è stata effettuata una videoconferenza con gli specialisti a Terra. L’apertura dell’Airlock è prevista per domani alle ore 07:10 del mattino.

Veg-03
Questa mattina l’equipaggio ha effettuato l’inventario delle piante in crescita nella struttura Veggie, in preparazione della raccolta prevista per il 6 aprile, dopodiché si è provveduto ad innaffiarle e documentare con alcune fotografie lo stato della loro crescita. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veg-03 utilizza l’impianto di crescita Veggie per coltivare sulla ISS un tipo di cavolo, lattuga e mizuna.

Commercial Off the Shelf (COTS) Ultra High Frequency (UHF) Communication Unit (CUCU)
In preparazione dell’arrivo del cargo Dragon della missione SpX-14, attualmente previsto per il 4 aprile, l’equipaggio ha attivato e controllato il Commercial Off the Shelf (COTS) Ultra High Frequency (UHF) Communication Unit (CUCU) ed il Dragon Crew Command Panel (CCP). CCP e CUCU permettono di stabilire un collegamento telemetrico tra la ISS ed il cargo, consentendo agli astronauti di intervenire attivamente, in caso di necessità, nelle fasi di avvicinamento e di allontanamento di Dragon dalla ISS.

Emergency Roles & Responsibilities Review
Con l’arrivo della Soyuz 54S, tutti i membri dell’equipaggio hanno partecipato ad un ripasso delle procedure di emergenza. Gli elementi di discussione comprendevano la responsabilità dell’equipaggio, l’accesso ai mezzi di fuga e le responsabilità del Comandante della ISS. Ogni membro dell’equipaggio deve essere pienamente consapevole delle procedure e delle strategie da attivare in caso di emergenza.

 

29 marzo

USOS Extravehicular Activity (EVA) #49
Oggi Drew Feustel (EV-1) e Ricky Arnold (EV-2) sono usciti dal Joint Airlock alle ore 08:30 CDT per effettuare l’US EVA #49. L’uscita è stata ritardata di oltre 1 ora sull’orario previsto a causa di problemi relativi ai controlli di tenuta delle tute. L’obiettivo principale dell’odierna EVA consisteva nell’installazione del Node 3 External Wireless Communications (EWC) e delle relative antenne, la sostituzione del Camera Port (CP)-8 External Television Camera Group ed il recupero dei Port 1 Radiator Beam Valve Module (RBVM) Flex Hose Jumpers. Tutte le attività principali sono state completate e verificate con successo. L’equipaggio ha anche avuto il tempo di effettuare il settaggio del Pump/Flow Control Subassembly (PFCS) Jumper in preparazione della prossima attività extraveicolare denominata USOS PFCS Relocate EVA. Il Phased Elapsed Time (PET) di questa EVA è stato di 6 ore e 10 minuti.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) Operations
I Robotics Ground Controller hanno iniziato il trasferimento di SSRMS dal Mobile Base System (MBS) all’N2 Power Data Grapple Fixture (PDGF), in preparazione delle sessioni di addestramento all’Offset Grapples di Dragon.

 

30 marzo

Human Research Facility (HRF)-2
Questa mattina l’equipaggio ha collegato un cavo USB da 5 metri, un adattatore seriale ad 8 porte ed un cavo spider tra i rack HRF-2 ed HRF-1 per bypassare il problema del Rack Interface Controller (RIC) di HRF-2. Gli specialisti a Terra stanno valutando i risultati di questa operazione. Domenica 25 marzo si era interrotta la comunicazione con HRF Rack 2, un’ora dopo l’attivazione del Rack.

Combustion Integrated Rack (CIR) Manifold #4 Bottle Replacement
Un membro dell’equipaggio russo ha sostituito un serbatoio del CIR manifold #4, installato sul lato anteriore dell’Optics Bench. Il CIR ospita la strumentazione necessaria a supportare la ricerca sugli aspetti del processo di combustione in microgravità. L’indagine ACME è un insieme di cinque esperimenti indipendenti sulla combustione di fiamme gassose da condurre nel CIR. L’obiettivo primario di ACME è quello di migliorare l’efficienza del combustibile e ridurre la produzione di sostanze inquinanti. Il suo obiettivo secondario è quello di migliorare la prevenzione degli incendi sui veicoli spaziali attraverso una ricerca innovativa incentrata sull’infiammabilità dei materiali.

Veg-03
L’equipaggio ha innaffiato le piante di lattuga dopodiché ha selezionato e raccolto alcune foglie per il consumo. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veg-03 utilizza l’impianto di crescita Veggie per coltivare sulla ISS un tipo di cavolo, lattuga e mizuna.

Space Headaches
Due membri dell’equipaggio della Soyuz 53S hanno compilato un nuovo questionario settimanale dell’esperimento Space Headaches dell’European Space Agency (ESA). La compilazione dei questionari è quotidiana nel corso della prima settimana di permanenza sulla ISS, mentre diventa settimanale nei periodi successivi. Gli obiettivi di questo studio sono rivolti a valutare la prevalenza e le caratteristiche della cefalea registrata dai membri dell’equipaggio nel corso di una missione spaziale.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) Operations
Dopo aver fornito supporto robotico all’EVA #49, i Robotics Ground Controller hanno trasferito SSRMS dal Mobile Base System (MBS) all’N2 Power Data Grapple Fixture (PDGF). Subito dopo gli specialisti hanno completato il trasferimento del Mobile Transporter (MT) dal WorkSite 6 al WorkSite 4. SSRMS è ora nella posizione prevista per effettuare la sessione di addestramento relativa all’arrivo del cargo Dragon.

Urine Processor Assembly (UPA) Pressure Control and Pump Assembly (PCPA) Replacement
Mercoledì, i sensori posti all’interno del Pressure Control and Pump Assembly (PCPA) hanno rilevato un aumento di corrente durante un ciclo di distillazione dell’UPA con conseguente arresto della PCPA. L’analisi dei dati scaricati dalla UPA ha permesso di identificare il problema nel guasto della PCPA. Oggi, l’equipaggio ha sostituito il componente non funzionante con uno dei pezzi di ricambio disponibili a bordo della ISS.

Dragon On-Board Training (OBT) and Self Study
L’equipaggio ha eseguito una sessione di addestramento OBT utilizzando il Robics Onboard Trainer (ROBoT) per simulare alcuni avvicinamenti del cargo Dragon.

Post-Extravehicular Activity (EVA) Operations
L’equipaggio ha svolto oggi le consuete valutazioni mediche post-EVA, ha riconfigurato l’Airlock e rifornito i serbatoi di acqua delle Extravehicular Mobility Units (EMUs) 3003 e 3006. Infine hanno condotto un debrifing con gli specialisti a Terra.

ISS Emergency Hardware Familiarization OBT
L’equipaggio della Soyuz 54S, giunto da pochi giorni a bordo della ISS, ha partecipato ad una sessione di formazione destinata ad acquisire familiarità con le posizioni delle attrezzature e delle valvole da utilizzare in caso di emergenza. Durante la formazione, i membri dell’equipaggio hanno raggiunto la propria Soyuz per familiarizzare con il percorso di fuga. Per ogni eventuale richiesta o delucidazione, l’equipaggio potrà consultare i Centri di Controllo a Terra; Mission Control Center-Moscow (MCC-M) e Mission Control Center-Houston (MCC-H).

 

2 aprile

SpaceX-14 Launch
Il vettore Falcon della missione SpX-14 è stato lanciato oggi alle ore 15:30 CDT. In preparazione dell’arrivo del velivolo, l’equipaggio ha svolto una sessione di addestramento. Al termine della sessione di addestramento, gli specialisti a Terra hanno trasferito lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) nella Dragon Park Position, prima di effettuare una videoconferenza con l’equipaggio per discutere sulle modalità di gestione del carico trasportato dal cargo Dragon. La cattura e l’attracco di Dragon sono in programma mercoledì alle ore 09:47 CDT.

Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES) SmoothNav
L’equipaggio ha allestito l’area di lavoro SPHERES, per attivare e verificare la strumentazione, e l’EXPRESS laptop computer (ELC) prima di avviare l’esperimento SmoothNav. SmoothNav sviluppa un algoritmo che aggrega le misurazioni dello stato relativo di diversi veicoli spaziali. L’algoritmo ottiene la stima più probabile delle posizioni e delle velocità relative di tutti i veicoli spaziali utilizzando tutte le informazioni rese disponibili dai sensori, integrate dalle rilevazioni storiche. L’algoritmo, condiviso tra diverse piattaforme satellitari dotate di sensori di bordo diversi, è adattabile, in caso di indisponibilità di uno o più satelliti, e tollerante a misurazioni ritardate o misurazioni ricevute su frequenze diverse.

Veg-03
Ieri l’equipaggio ha scattato alcune fotografie per documentare lo stato della crescita delle piante, dopodiché le ha innaffiate ed ha selezionato e raccolto alcune foglie per il consumo. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veg-03 utilizza l’impianto di crescita Veggie per coltivare sulla ISS un tipo di cavolo, lattuga e mizuna.

Microbial Tracking-2 (MT-2)
Un membro dell’equipaggio della Soyuz 53S, giunto al traguardo del Flight Day 105 (FD105), ha raccolto campioni di saliva, ha prelevato tamponi dal proprio corpo ed ha compilato un questionario a supporto dell’indagine Microbial Tracking-2. Microbial Tracking-2 intende tracciare, nel corso di una ricerca della durata di un anno, i diversi tipi di microbi presenti sulla ISS attraverso una serie di campionamenti di superfici, atmosfera della ISS e saliva degli astronauti. I campioni raccolti vengono inviati a Terra per le analisi molecolari (DNA ed RNA) per identificare i tipi di microbi e per studiare come la flora microbica si modifica nel tempo.

Human Research Facility (HRF) -2
L’equipaggio ha verificato che i campioni di sangue processati dall’HRF-2 Refrigerated Centrifuge non avessero subito conseguenze innescate dai problemi di comunicazione del Rack Interface Controller (RIC) di HRF-2. Il collegamento con il rack si era interrotto il 25 marzo. La soluzione del problema è ancora allo studio.

Post Extravehicular Activity (EVA) Activities
L’equipaggio ha completato il ciclo di pulizia delle EMU 3006 e 3010 ed il test di conduttività dell’acqua. L’equipaggio ha anche eseguito la verifica del serbatoio Metal Oxide (MetOx) (SN-0013) che era stato rimosso prima della EVA 49, quando la EMU 3006 non aveva superato il controllo delle perdite. La verifica odierna ha escluso il serbatoio MetOx come causa del fallito controllo perdite.

Mobile Servicing System (MSS) Robotics Operations
Oggi i Robotics Ground Controller hanno attivato MSS per supportare l’addestramento dell’equipaggio alla Dragon Offset Grapple. Durante questa sessione On-Board-Training (OBT), l’equipaggio ha familiarizzato con il braccio robotico Canadarm2. Al termine, Canadarm2 è stato lasciato parcheggiato nella posizione Dragon Rendezvous Park, dopodiché gli specialisti a Terra hanno raccolto alcuni dati per un ulteriore indagine su una precedente anomalia della Video Distribution Unit (VDU) #3.

 

3 aprile

SpaceX-14 Status
SpaceX ha completato il CUCU Broadcast Test, dopodiché ha configurato CUCU ed il Dragon UHF per il rendez-vous. Dragon stà seguendo il profilo nominale di avvicinamento alla ISS che raggiungerà domani alle ore 06:00 CDT.

Advanced Combustion via Microgravity Experiments (ACME) Electric-Field Effects on Laminar Diffusion (E-Field) Flames
In preparazione dell’imminente avvio dell’esperimento ACME E-Field Flames, l’equipaggio ha installato l’ACME Mesh Positive Power Supply. L’indagine ACME è un insieme di cinque esperimenti indipendenti sulla combustione di fiamme gassose da condurre nel CIR. L’obiettivo primario di ACME è quello di migliorare l’efficienza del combustibile e ridurre la produzione di sostanze inquinanti. Il suo obiettivo secondario è quello di migliorare la prevenzione degli incendi sui veicoli spaziali attraverso una ricerca innovativa incentrata sull’infiammabilità dei materiali.

Mouse Stress Defense
Per predisporre il trasferimento dei topi in arrivo a bordo del cargo Dragon, l’equipaggio ha effettuato una pre-installazione delle Mouse Habitat Cage Unit all’interno della Cell Biology Experiment Facility (CBEF). Sono state installate le cartucce alimentari, i filtri antiodore e riempiti i contenitori dell’acqua, ma l’equipaggio non è stato in grado di rifornire d’acqua 2 gabbiette. Gli specialisti a Terra stanno studiando il problema. Questa indagine invierà sulla ISS dei topi geneticamente modificati; alcuni con un valore ridotto di Nrf2, altri con un valore incrementato per osservare come Nrf2 possa contribuire ad una più efficace prevenzione contro gli stress originati dal vivere in microgravità. La microgravità provoca stress cellulari che portano alla riduzione della densità muscolare ed ossea. Per superare questi stress, una delle più recenti contromisure appare essere l’attivazione di Nrf2, un regolatore principale del percorso antiossidante.
[NDT : Il fattore di trascrizione nucleare eritroide-2 (Nrf2; codificato nell’uomo dal gene NFE2L2) è un fattore di trascrizione che regola l’espressione genica di una grande varietà di enzimi citoprotettivi antiossidanti e della fase II di disintossicazione attraverso una sequenza promotrice nota come elemento di risposta antiossidante (ARE). L’ARE è un elemento promotore che si trova in molti geni citoprotettivi e quindi Nrf2 svolge un ruolo fondamentale nel sistema di difesa cellulare contro gli stress ambientali ARE-dipendenti.]

On-board Training (OBT) Dragon Robotics Onboard Trainer (ROBoT) Session 2
I membri dell’equipaggio incaricati della cattura di Dragon hanno completato oggi la loro seconda ed ultima sessione OBT con ROBoT.
[NDT : ROBoT è costituito da due distinti software principali. Il primo è responsabile della visualizzazione delle scene grafiche, mentre i restanti sono responsabili della simulazione del Mobile Servicing System (MSS), del Japanese Experiment Module Remote Manipulator System (JEMRMS) e dell’H-II Transfer Vehicle (HTV) Free Flyer Robotics Operations. Il software di MSS include: simulatore del Robotic Workstation (RWS), simulatore dello Space Station Remote Manipulator System (SSRMS), simulatore dell’ISS Command and Control System (CCS) ed di un aspetto del software installato sui Portable Computer System (PCS), necessario per gestire le operazioni con MSS.]

 

4 aprile

SpX-14 Mission
Questa mattina alle ore 05:40 CDT, l’equipaggio della ISS ha utilizzato lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) per catturare il cargo Dragon. Questa azione ha visto il primo utilizzo del Forced Based Capture, un aggiornamento software che permette la riduzione dei carichi sui cavi dei Latching End Effector (LEE) nelle fasi di cattura. Gli specialisti a Terra, dopo aver ispezionato il Passive Common Berthing Mechanism (PCBM), hanno guidato Dragon all’attracco al Node 2 Nadir. L’allestimento e la pressurizzazione del vestibolo, il controllo perdite e la rotazione del CBM Control Panel Assembly (CPA) sono le azioni che supportano l’ingresso nel cargo in programma per domani mattina.

Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES) Tether Slosh
L’equipaggio ha installato la strumentazione dell’esperimento SPHERES Tether Slosh, ma alcuni problemi di comunicazione tra l’antenna ed i robot SPHERES hanno impedito la conclusione dell’attività. Gli specialisti a Terra stanno analizzando il problema. SPHERES Tether Slosh associa apparecchiature fluidodinamiche con le capacità robotiche a disposizione sulla Stazione Spaziale Internazionale per investigare strategie automatizzate per la gestione del carico passivo che contiene fluidi. Nello spazio, i combustibili liquidi utilizzati dai veicoli spaziali possono muoversi e distribuirsi in modi imprevedibili rendendo molto complicate le manovre spaziali. Questa indagine utilizza due robot SPHERES collegati ad un contenitore pieno di liquidi e coperto da sensori per collaudare strategie di manovra per muovere in sicurezza veicoli spaziali, come ad esempio i satelliti ormai inerti che potrebbero contenere ancora carburante nei loro serbatoi.

Space Test Program – H5 (STP-H5) Innovative Coatings Experiment (ICE)
L’equipaggio ha fotografato dalle finestre di Cupola e dal Japanese Experiment Module (JEM) le strisce di materiale ICE (Innovative Coatings Experiment) poste su STP-H5. Le radiazioni e le temperature estreme dello spazio possono corrodere o danneggiare le vernici ed i rivestimenti esterni dei veicoli spaziali. I rivestimenti ottici sono importanti anche come ausilio visivo alla navigazione sia per gli umani che per i robot. La ricerca STP-H5 ICE studia nuovi rivestimenti da utilizzare sui veicoli spaziali in orbita, analizzando la loro stabilità nel tempo nel corso di un’esposizione di 2 anni allo spazio aperto.

Veg-03
L’equipaggio ha innaffiato le piante di lattuga dopodiché ha selezionato e raccolto alcune foglie per il consumo. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veg-03 utilizza l’impianto di crescita Veggie per coltivare sulla ISS un tipo di cavolo, lattuga e mizuna.

Lighting Effects
L’equipaggio ha effettuato alcune rilevazioni dell’intensità delle fonti luminose all’interno del Node 2 e del modulo Columbus. L’esperimento Lighting Effects desidera quantificare e qualificare gli effetti dell’illuminazione sull’abitabilità dei veicoli spaziali. Tutte le fonti luminose della ISS verranno sostituite con un nuovo sistema progettato per migliorare la salute ed il benessere dell’equipaggio. L’indagine Lighting Effects studia l’impatto del cambiamento portato dalla sostituzione delle lampadine fluorescenti con luci led ad intensità luminosa e colore regolabili, per capire se le nuove luci potranno migliorare i ritmi circadiani dell’equipaggio. I risultati di questa indagine avranno importanti ricadute anche su tutte le persone a Terra che fanno uso di lampade ad incandescenza. Gli SSLA sono stati progettati per sostituire i General Luminaire Assemblies (GLA) per migliorare l’acuità visiva e per fornire una miglior soluzione per affrontare i disagi dovuti ai ritmi circadiani ed al ciclo del sonno dell’equipaggio. Per raggiungere questi obiettivi, gli SSLA sono stati progettati per funzionare in 3 modalità di spettro luminoso distinte. Le diverse modalità di funzionamento hanno a che fare con la gestione della porzione del blu fornita dalla luce delle lampade; la luce blu ha impatti sulla produzione di melatonina che a sua volta ha impatti sul sonno.

Microbial Tracking-2 (MT-2)
Un membro dell’equipaggio della Soyuz 53S, giunto al traguardo del Flight Day 105 (FD105), ha raccolto campioni di saliva a supporto dell’indagine Microbial Tracking-2. Microbial Tracking-2 intende tracciare, nel corso di una ricerca della durata di un anno, i diversi tipi di microbi presenti sulla ISS attraverso una serie di campionamenti di superfici, atmosfera della ISS e saliva degli astronauti. I campioni raccolti vengono inviati a Terra per le analisi molecolari (DNA ed RNA) per identificare i tipi di microbi e per studiare come la flora microbica si modifica nel tempo.

Food Acceptability
L’equipaggio ha compilato oggi un nuovo questionario sulla Food Acceptability. Questa indagine intende determinare l’impatto del consumo ripetuto di cibo sull’accettabilità degli alimenti nell’ambito dell’attuale sistema alimentare, obbligatoriamente ristretto, in vigore sulla ISS. I risultati verranno utilizzati per sviluppare nuove strategie per migliorare la varietà e la composizione del cibo a supporto della salute e delle prestazioni degli equipaggi impegnati in missioni di lunga durata.

 

5 aprile

SpX-14 Mission
Ieri il cargo Dragon è attraccato alla ISS, oggi l’equipaggio ha aperto il portello ed ha dato il via alle operazioni di trasferimento del carico. Alla termine del trasferimento dello stack centrale, l’equipaggio trasferirà le merci contenute nello stivaggio a freddo, dopodiché verranno installati ed attivati i diversi payload trasportati da Dragon.

Mobile Servicing System (MSS) SpX-14 Operations
Nel corso della giornata, i Robotics Ground Controller rilasceranno Dragon e configureranno l’Enhanced ORU Temporary Platform (EOTP) per estrarre il Pump and Flow Control Subassembly (PFCS) ed il Materials International Space Station Experiment (MISSE) dal Dragon Trunk.

Mouse Stress Defense
L’equipaggio ha completato i preparativi finali prima di trasferire i topi, giunti a bordo del cargo Dragon, dalla Transportation Cage Unit alla Cell Biology Experiment Facility (CBEF) ed avviare l’esperimento. Questa indagine invierà sulla ISS dei topi geneticamente modificati; alcuni con un valore ridotto di Nrf2, altri con un valore incrementato per osservare come Nrf2 possa contribuire ad una più efficace prevenzione contro gli stress originati dal vivere in microgravità. La microgravità provoca stress cellulari che portano alla riduzione della densità muscolare ed ossea. Per superare questi stress, una delle più recenti contromisure appare essere l’attivazione di Nrf2, un regolatore principale del percorso antiossidante.
[NDT : Il fattore di trascrizione nucleare eritroide-2 (Nrf2; codificato nell’uomo dal gene NFE2L2) è un fattore di trascrizione che regola l’espressione genica di una grande varietà di enzimi citoprotettivi antiossidanti e della fase II di disintossicazione attraverso una sequenza promotrice nota come elemento di risposta antiossidante (ARE). L’ARE è un elemento promotore che si trova in molti geni citoprotettivi e quindi Nrf2 svolge un ruolo fondamentale nel sistema di difesa cellulare contro gli stress ambientali ARE-dipendenti.]

NanoRacks Plate Reader
L’equipaggio, in preparazione dell’esperimento Metabolic Tracking-2, ha convalidato e calibrato il NanoRacks Plater Reader-2. NanoRacks Plate Reader-2 è uno strumento di laboratorio progettato per rilevare eventi biologici, chimici o fisici di campioni posti su piastre di microtitolazione. I lettori di micropiastre sono ampiamente utilizzati nella ricerca, nella scoperta di farmaci, nella convalida dei biotest, nei controlli di qualità e nei processi di fabbricazione nell’industria farmaceutica.

Multi-Use Variable-G Platform (MVP)
L’equipaggio ha installato lo strumento Multi-Use Variable-G Platform (MVP) all’interno dell’EXPRESS Rack (ER) 8. MVP viene utilizzato per condurre ricerche su un’ampia varietà di tipolgie di campioni, come ad esempio i moscerini della frutta, piante, pesci, cellule, cristalli proteici e molti altri. Include 2 distributori interni che simultaneamente possono produrre fino a 2 g di gravità artificiale. Ogni distributore ospita 6 moduli in cui è possibile inserire un esperimento che rimarrà isolato da tutti gli altri. È possibile l’acquisizione di fotografie e video, inclusa la microscopia. La piattaforma MVP fornisce il controllo dei valori di temperatura ed umidità e monitora e registra i livelli di ossigeno e di anidride carbonica.

Tangolab-1 and -2
L’equipaggio ha installato la struttura Tangolab-2 all’interno dell’EXPRESS Rack ER 6, posto nell’US LAb, dopodichè ha effettuato diversi riposizionamenti di payload tra le strutture TangoLab-1 & 2. TangoLab-1 e TangoLab-2 sono strutture riconfigurabili progettate per la ricerca e lo sviluppo in microgravità e la produzione pilota a bordo della ISS.

Fonte: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

https://www.forumastronautico.it/index.php?topic=27855.0

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

6 Risposte

  1. Aser ha detto:

    Quali sono le miscele di gas liquidi che vengono usate per i propellenti dei razzi? e in quali percentuali sono miscelati?

  2. Aser ha detto:

    Scusate la domanda stolta

  3. Aser ha detto:

    Grazie per questi aggiornamenti

  4. Scorz1029 ha detto:

    Grazie mille per essere sempre aggiornati sulle ultime notizie.

    Volevo chiedervi una cosa banale:
    Perché le tute per le EVA e la ISS sono bianche?
    Forse per riflettere i raggi del sole ☀️?

  5. Marco Carrara ha detto:

    Grazie a voi per l’attenzione.
    Vi consiglio di non perdervi il nostro prossimo podcast Astronauticast, le vostre domande avranno una risposta.

  6. Veronica Remondini ha detto:

    Eccoci, come promesso da Marco le risposte alle vostre domande sono nei minuti iniziali della puntata 11×37 e grazie ancora per le domande interessanti!
    https://www.astronauticast.it/astronauticast-11×37-gli-strozzi-al-carburatore-della-soyuz/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.