Avvenuto con successo il primo volo di test per la VSS Unity della Virgin Galactic

Lo spazioplano Unity (VSS Unity) della Virgin Galactic atterra dopo il suo primo test di volo libero il 3 Dicembre 2016 nel Deserto del Mojave. (C) Virgin Galactic

Il secondo spazioplano della flotta della Virgin Galactic, denominato VSS Unity, ha svolto con successo la sua prima planata di test, lo scoso Sabato 3 Dicembre.

Lo spazioplano Unity è decollato agganciato al suo aereo madre WhiteKnightTwo dal Mojave Air and Space Port in California, alle 18:50 italiane di Sabato, per poi separarsi da esso alle 19:40 per planare scivolando nell’aria verso la pista di atterraggio situata sempre nel Mojave, dieci minuti dopo.

Ai comandi di Unity vi erano i piloti Mark Sturky, ex pilota della Scaled Composites che ha svolto diversi voli di test con il primo SpaceShipTwo prima di entrare in Virgin Galactic nel 2015, e da David Mackay, capo dei piloti della Virgin. A bordo del WhiteKnightTwo vi erano i piloti Mike Masucci e Todd Ericsson e l’ingegnere di volo Dustin Mosher.

Questo test è stato il primo di una nuova serie di test del veicolo suborbitale, il quale ha già accumulato diversi ritardi nel corso del suo sviluppo. Anche questo flight test, inizialmente previsto per l’1 Novembre, è stato ritardato di diversi giorni a causa delle avverse condizioni meteorologiche prima, e di un non meglio specificato problema tecnico poi.

Lo spazioplano VSS Unity durante la sua planata inaugurale dello 3 Dicembre 2016 (C) Virgin Glactic.

Lo spazioplano VSS Unity durante la sua planata inaugurale dello 3 Dicembre 2016 (C) Virgin Glactic.

Come detto, questo volo è stato il primo di una serie di test di planata per la verifica della sua performance aerodinamica, in vista dei test sui voli propulsi. Il numero dei voli da effettuare dipenderà da quanto tempo si impiegherà per raggiungere gli obiettivi ingegneristici prefissati.

Come previsto, per questo primo test di planata, lo spazioplano VSS Unity ha volato ad una velocità massima di 0,6 Mach scivolando verso la pista di atterraggio da una quota di 15,2 km. Dai primi dati acquisiti e dalle prime sensazioni avvertite dai due piloti, sembra proprio che il primo test sia andato più che bene, anche se gli ingegneri della Virgin si prenderanno tutto il tempo necessario per analizzare i dati sulla performance del velivolo prima di dare il via al prossimo test.

Una volta completati i test di planata quindi, la SpaceShipTwo inizierà una serie di test propulsi.

Si ricorda che il primo spazioplano della Virgin, il VSS Enterprise ebbe un gravissimo incidente nell’Ottobre del 2014 durante il suo quarto test propulso, nel quale rimase ucciso il co-pilota Michael Alsbury mentre il pilota Peter Siebold rimase ferito. L’indagine condotta dalla National Transportation Safety Board concluse che la distruzione del veicolo avvenne quando Alsbury sbloccò prematuramente il meccanismo di feathering, causando l’innalzamento della porzione di coda del velivolo, il quale poi accellerò a Mach 1. Gli investigatori criticarono il costruttore del velivolo, la Scaled Composites, per non aver previsto lo sblocco prematuro del meccanismo di feathering, impedendolo in qualche modo, e per l’eccessivo carico di lavoro previsto per l’equipaggio.

Durante il periodo di tempo perso a causa dell’incidente, la compagnia di Richard Branson ha potuto lavorare allo sviluppo del motore a razzo ibrido, il cui sviluppo è stato molto travagliato.

Lo SpaceShipTwo è progettato per trasportare turisti spaziali e payloads ad un’altitudine di 100 km, esponendoli per alcuni minuti ad un ambiente in microgravità.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26046.0

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.