Nuovo accordo tra Stratolaunch ed Orbital ATK

Rappresentazione del Roc di Stratolaunch con tre vettori Pegasus XL. Fonte Vulcan Inc.

Le due compagnie statunitensi hanno annunciato di aver firmato un accordo per utilizzare il gigantesco aereo madre di Stratolaunch come piattaforma per il lancio in volo del collaudato vettore Pegasus di Orbital ATK. L’annuncio è stato dato congiuntamente lo scorso 6 ottobre.

Non sono stati rivelati molti dettagli, ma secondo l’accordo Orbital ATK fornirà molteplici Pegasus XL a Stratolaunch, che provvederà al lancio in orbita tramite il proprio aereo, che è attualmente in fase di costruzione con il nome provvisorio di Roc.

Stratolaunch Systems è stata fondata nel 2011 da Paul Allen, co-fondatore di Microsoft e finanziatore di SpaceShip One di Scaled Composites che, presso il Mojave Air and Space Port in California, sta proprio per completare la realizzazione del Roc.
Il Roc è un aereo a doppia fusoliera la cui struttura è realizzata, secondo la tradizione di Scaled, interamente in materiali compositi.
Due Boeing 747-400, appositamente acquistati, hanno poi fornito tutta l’avionica, i carrelli, l’allestimento della cabina, i motori ed altre parti varie.
Una volta completato il Roc avrà un’apertura alare record di 117 metri, peserà 590 tonnellate a pieno carico, di cui 230 di payload e potrà raggiungere i 10 km di altitudine spinto da sei motori a reazione PW4056.

Una missione tipo decollerà da un qualsiasi aeroporto non troppo distante dalla costa e dotato di una pista di almeno 4 km. Una volta sopra l’oceano ed all’altitudine desiderata, uno o più vettori verranno rilasciati  per l’inserimento in orbita di payloads medio leggeri.

stratolaunch-credit-vulcan-inc

Credit, Vulcan Inc.

Lo scorso giugno alcuni giornalisti hanno potuto visitare l’immenso hangar, dove oltre 300 addetti stanno completando l’aereo che si trova a circa l’80% della realizzazione.

Credit, Vulcan Inc.

Credit, Vulcan Inc.

Nessun riferimento è stato loro dato per quanto riguarda gli investimenti e le date del rollout, del primo test in volo o dell’inizio dell’operatività.

Stratolaunch in passato aveva già stretto accordi, ormai disattesi, con SpaceX per il lancio di una versione leggera del Falcon 9, con Sierra Nevada per il lancio del minishuttle Dream Chaser e con la stessa Orbital ATK per il progetto Thunderbolt, un vettore multistadio (solido/liquido).

Lancio di un Pegasus. Credit, NASA.

Lancio di un Pegasus. Credit, NASA.

Il Pegasus di Orbital ATK è un vettore tristadio a propellente solido che viene lanciato da un aereo Lockheed L-1011 ad una quota di 12 km, per portare in orbita satelliti fino a 443 kg.
Dei 42 lanci compiuti tra il 1990 ed il 2013, 37 sono stati coronati da successo, 3 sono falliti e 2 sono parzialmente riusciti.
La versatilità del sistema ha permesso in passato di effettuare decolli/lanci da diverse località quali: Cape Canaveral AFB in Florida, Vandenberg AFB e Dryden FRC in California, Wallops FF in Virginia, Kwajalein nell’oceano Pacifico e dalle isole Canarie nell’oceano Atlantico.

I prossimi due lanci sono prenotati dalla NASA e previsti per il prossimo novembre, con a bordo 8 piccoli satelliti CYGNSS (Cyclone Global Navigation Satellite System) ed a metà del 2017 per lo ICE (Ionospheric Connection Explorer).

Fonte, Orbital ATK.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=25819.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.