Vega scelto per la missione Aeolus

Il satellite Aeolus in una immagine di ESA/ATG medialab

ESA ed Arianespace hanno siglato lo scorso 7 settembre un contratto per il lancio del satellite Aeolus, che studierà i venti terrestri; il decollo è previsto entro il 2017.
I laser ad ultravioletti imbarcati sul veicolo, di nuovissima generazione e mai impiegati nello spazio prima d’ora, consentiranno di effettuare analisi “stratificate” dei venti, e di ampliare le nostre conoscenze delle nubi e degli aerosol.
Il funzionamento dello strumento Aladin, costituito da due potenti laser, un telescopio, e ricevitori ultra-sensibili, è il seguente: la luce ultravioletta emessa dai laser rimbalza sulle molecole dell’aria e sulle microparticelle quali polvere, ghiaccio e gocce d’acqua in sospensione nell’atmosfera. Il telescopio di Aladin rileva e misura la porzione di luce riflessa; il movimento delle particelle che hanno riflesso la luce ne determina lievi variazioni nella frequenza. Confrontando le frequenze di ritorno con quella di emissione è possibile analizzare nel dettaglio i venti alle varie altitudini.
Lo sviluppo di questo straordinario strumento è stato piuttosto travagliato; tuttavia gli ultimi test hanno confermato che esso è ora pronto all’impiego, ed i tecnici di Airbus Defence and Space a Stevenage (GB) lo stanno montando sul satellite.
Non è la prima volta che un razzo Vega viene scelto per una missione della serie Earth Observation di ESA: nel 2015 toccò al Sentinel 2A.

fonte: ESA

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.