Previsto entro la fine dell’anno il lancio di Tiangong-2

Nei giorni scorsi l’agenzia Xinhua ha reso noto che la Cina avrebbe in programma il lancio di un nuovo laboratorio spaziale nella seconda metà dell’anno e l’invio di una missione con due astronauti entro la fine del 2016.

Tiangong 2, questo il nome della stazione/laboratorio, sarà il successore di Tiangong 1, il primo laboratorio cinese lanciato nel 2011.
Tiangong 1 (che significa “palazzo del paradiso”) è stato raggiunto successivamente da tre missioni Shenzhou (8, 9, 10), le ultime due, nel 2012 e nel 2013, dotate di equipaggio, rimasto nello spazio per 13 e 15 giorni rispettivamente.

Secondo quanto riportato, il lancio di Tiangong 2 sarebbe un passo importante in previsione della costruzione di una stazione spaziale più grande, composta da tre moduli, che dovrebbe essere assemblata in orbita fra il 2020 e il 2022.

Il nuovo laboratorio verrà immesso in orbita da un lanciatore Lunga Marcia 2F, che decollerà tra luglio e settembre dal Jiuquan Space Center, situato a nord-ovest del deserto del Gobi.

Secondo quanto riferisce il Manned Space Engineering Office dell’agenzia spaziale cinese (CNSA) la preparazione al lancio procede secondo i piani e senza particolari contrattempi.

Dopo il lancio del laboratorio dovrebbe seguire un lancio con equipaggio tra ottobre e dicembre. L’equipaggio volerà a bordo della Shenzhou 11 (“vascello divino”). Non è stata ancora resa nota la durata della missione e neanche la composizione dell’equipaggio, che però sarebbe in addestramento già da tempo.

Stando a quanto dichiarato, nel 2017 un nuovo veicolo cargo automatico dovrebbe raggiungere il laboratorio per dimostrare la capacità di rifornire una futura stazione spaziale. Il veicolo verrà chiamato Tianzhou 1 (che significa “vascello del paradiso”) ed avrà un ruolo simile a quello di Progress, HTV, Cygnus e Dragon.

Il veicolo automatico dovrebbe essere lanciato dal nuovo vettore Lunga Marcia 7, dal Wenchang Space Center, attualmente in fase di costruzione presso l’isola di Hainan. Al momento non è chiaro se al momento dell’arrivo del cargo l’equipaggio sarà ancora presente sulla stazione.

Le missioni che visiteranno Tiangong 2 saranno focalizzate sulla ricerca e su esperimenti scientifici di diversa natura da condursi in orbita. A bordo troverà posto anche un strumento realizzato da Cina, Svizzera e Polonia dedicato allo studio dei gamma ray burst.

Attualmente non sono stati resi pubblici altri dettagli sul laboratorio quindi non è chiaro se e quanto differirà dal laboratorio della generazione precedente.

Tiangong 1, che al momento risulta ancora in orbita, aveva le dimensioni di un piccolo autobus e una massa di circa 8.5 tonnellate.

 

Fonte: Xinhua.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24905.0

Filippo Magni

Appassionato di spazio, studente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Collabora all'amministrazione del forum come "Operations Officer". Scrive su AstronautiNEWS da maggio 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.