Cygnus lascia la ISS

Cygnus visto dalla ISS. Credits: NASA
Cygnus visto dalla ISS. Credits: NASA

Il cargo Cygnus ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale dopo 72 giorni, il 19 Febbraio alle ore 12:26 GMT, a circa 400 Km di quota sopra il Sud America. A dirigere il rilascio del veicolo spaziale sono stati i due astronauti NASA Tim Kopra e Scott Kelly, dalla Cupola della ISS.

Il lancio del veicolo realizzato da Orbital ATK era avvenuto lo scorso 6 Dicembre, utilizzando l’Atlas V come razzo vettore, con il successivo aggancio del veicolo alla ISS  il 9 Dicembre. Il Cygus ha trasportato rifornimenti a bordo della ISS per un totale di circa 3300 Kg, oltre a fornire materiale di supporto per gli esperimenti scientifici e le space walk. Nel corso dei due mesi a bordo della ISS è stato poi riempito con 1400 Kg  di materiale di scarto. Il suo rientro è previsto per oggi 20 Febbraio, in prossimità dell’Oceano Pacifico.

Questo veicolo spaziale è stato il primo a raggiungere la ISS partendo dagli Stati Uniti, dopo alcuni lanci falliti sia da parte di Orbital ATK che SpaceX, le due aziende private americane che hanno firmato contratti con NASA per il rifornimento della Stazione Spaziale.

Orbital ATK ha acquistato due razzi vettori Atlas da ULA (United Launch Alliance) per il lancio di veicoli cargo Cygnus, in attesa di avere dei propri nuovi lanciatori Antares, in cui i motori del primo stadio devono essere sostituiti. Per ora si prevede che sarà trasportato un carico totale di circa 6800 Kg nelle due missioni Atlas/Cygnus, in un arco temporale di circa 100 giorni.

Il secondo Atlas acquistato sarà utilizzato il prossimo mese, con il lancio di Cygnus il 22 Marzo, carico di rifornimenti per la Stazione Spaziale. Lo stacking del razzo vettore a Cape Canaveral è fissato per la prossima settimana.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24841.0

Valeria Parnenzini

Appassionata di spazio e tecnologia, collabora con AstronautiNEWS da Agosto 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.