ISS Weekly Status Report – 32.2015

ISS, Shuttle e ATV

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

5 ottobre

NanoRack Cubesat Deployer (NRCSD) #6 Operations
Oggi, Kelly ha aperto il portello esterno ed ha esteso la slitta del Japanese Experiment Module (JEM) Airlock all’esterno della ISS. Gli specialisti a Terra hanno utilizzato il JEM Remote Manipulator System (JEMRMS) Small Fine Arm (SFA) per afferrare il Multi-Purpose Experiment Platform (MPEP), montato sulla slitta, per manovrarlo nella posizione prevista per il primo rilascio. Oggi, alle ore 09:06 CDT, sono stati rilasciati due satelliti danesi, mentre i primi 4 satelliti della flotta “Flock 2” saranno lanciati entro oggi. Yui ha scattato da Cupola alcune fotografie per documentare la distribuzione dei CubeSat. Il satellite danese GOMX-3 dispone di antenne dotate di un sistema avanzato di puntamento e di diverse possibilità di comunicazione. Il satellite contiene tre radio; una riceve i beacons dagli aerei commerciali in volo e verrà utilizzata per migliorare il monitoraggio del traffico aereo, mentre le altre due effettueranno test di ricezione e di invio dati in banda L, lo spettro radio utilizzato dai satelliti GPS, ed in banda X, usata dai militari, dal monitoraggio meteorologico e dal controllo del traffico aereo. AAUSAT-5, il secondo satellite danese, utilizza un sistema di ricezione – Automatic Identification System (AIS) – in grado di monitorare i segnali delle navi. I nanosatelliti Dove sono in grado di acquisire quasi in continuo immagini di tutto il pianeta; tali immagini verranno utilizzate da applicazioni umanitarie ed ambientali che vanno dal monitoraggio sullo stato della foreste al monitoraggio delle calotte polari fino a contribuire al miglioramento della resa delle coltivazioni agricole sulla Terra. Questa settimana verranno rilasciati 16 satelliti CubeSats; 14 Planet Lab Doves e 2 satelliti danesi.

Robonaut 2 Troubleshooting
Kelly ha analizzato oggi il problema della Compact Peripheral Component Interface di Robonaut. Entrambi gli alimentatori stanno fornendo le stesse indicazioni di errore. I Ground teams devono decidere come procedere nell’analisi del problema. Robonaut è un robot umanoide progettato con la versatilità e la destrezza di manipolare oggetti, disporre di una maggiore resistenza rispetto agli umani e di reagire in modo sicuro svolgendo attività in collaborazione con gli astronauti.

Twins Study
Kelly ha raccolto campioni di sangue a sostegno dello studio Twins Study del traguardo del Flight Day 191 (FD191). Questa indagine comprende dieci studi diversi. Questi studi sono stati identificati per usufruire dell’occasione unica di osservare gli effetti dei viaggi spaziali su gemelli identici, uno dei quali vivrà un’esperienza sulla ISS, mentre l’altro rimarrà a Terra nello stesso periodo. Lo studio esamina i cambiamenti nel corpo umano nel campo della genetica, della psicologia, della fisiologia, della microbiologia e dell’immunologia.

Node 1 Sample Delivery System (SDS) Hose and Power Cabling Installation
Come parte delle attività USOS di riconfigurazione, Lindgren ha rimosso alcuni Node 1 Closeout, dopodichè, nel corso del pomeriggio, Lindgren e Yui hanno installato due tubi SDS e parzialmente completato l’installazione dei cavi di alimentazione e dati che forniranno servizi al Node 1 Nadir Berthing Port, al Galley Rack ed all’International Docking Adapters del Node 2. L’attività di posa dei cavi fin qui svolta è stata effettuata come da pianificazione. Gli specialisti stanno lavorando per pianificare per domani il resto dell’attività.

Waste Hygiene Compartment (WHC) Maintenance
Yui ha effettuato la manutenzione ordinaria del WHC, sostituendo la WHC Piping che è posizionata tra il Pump Separator e la Dose Pump.

Robotics Refueling Mission (RRM)
Sabato scorso, i Robotics Ground Controllers hanno manovrato lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Arm2 nella posizione prevista per proseguire l’RRM payload Task Board 3 (TB3) Science Operations. Come prima azione è stato afferrato il Vent Plug Adapter (VPA), successivamente sono stati effettuati alcuni interventi per effettuare un espansione delle guarnizioni di tenuta di VPA. Domenica, i Robotics Ground Controllers hanno manovrato lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Arm2 per posizionarlo correttamente sulla MFT Valve Interface (MVI) Valve 1 (V1). Tuttavia, l’attività di “pressure test” di MVI è stata rinviata a causa di problemi alla videocamera. L’attenzione è stata poi posta sull’Electrical Plug Adaptor (EPA); tramite l’SPDM Arm2, l’EPA è stato prelevato, controllato e posizionato. Infine, i Robotics Ground Controllers hanno manovrato SPDM Arm 2 nella posizione di parcheggio. Le operazioni RRM riprenderanno nel pomeriggio.

 

6 ottobre

NanoRack Cubesat Deployer (NRCSD) #6 Operations
Ieri sono stati lanciati due CubeSats danesi ed i primi quattro Dove CubeSats della flotta “Flock 2”. Questa mattina si sono aggiunti ai rilasci di ieri ulteriori 4 Dove CubeSats. I 6 Dove rimanenti verranno lanciati questa sera. I nanosatelliti Dove sono in grado di acquisire quasi in continuo immagini di tutto il pianeta; tali immagini verranno utilizzate da applicazioni umanitarie ed ambientali che vanno dal monitoraggio sullo stato della foreste al monitoraggio delle calotte polari fino a contribuire al miglioramento della resa delle coltivazioni agricole sulla Terra. Questa settimana verranno rilasciati 16 satelliti CubeSats; 14 Planet Lab Doves e 2 satelliti danesi.

Sleep Log
Kelly e Kornienko proseguono l’attività di annotazione delle caratteristiche del loro sonno. L’esperimento Sleep ISS-12 analizza e raccoglie valutazioni soggettive sul sonno correlato all’esposizione alla luce ambientale ed alle attività svolte dall’equipaggio; vengono esaminati gli effetti del volo spaziale sul sonno correlandoli all’esposizione alla luce nel corso della missione di un anno sulla ISS.

Node 1, 2 and 3 Cable Routes
Come parte delle attività racchiuse sotto il nome “USOS Reconfiguration”, Lindgren ha concluso l’attività, iniziata ieri, di installazione del cablaggio elettrico e dati all’interno del Node 1. Una volta completato il cablaggio, Lindgren ha ripristinato tutti i pannelli che aveva rimosso per far passare i cavi. Yui ha instradato alcuni cavi elettrici dal rack del Node 2 DC-to-DC Converter Unit (DDCU) al Node 2 Aft Bulkhead. Questi nuovi cavi costituiranno un collegamento elettrico ridondante per il Nadir Berthing Port e per il Galley Rack del Node 1. Kelly ha riposizionato il cavo elettrico del Node 3 Sample Delivery System (SDS), utilizzato dal Node 1 Deck SDS Valve, poichè nel suo precedente instradamento era risultato corto e non era stato possibile collegarlo. Il cablaggio nel Node 3 aveva richiesto una diffusa sospensione elettrica che aveva riguardato tutti i sistemi del Node 3, compresi il Node 3-1 MDM, l’OGA, l’MCA ed il CDRA. Il Lab CDRA è stato attivato per contribuire alla rimozione della CO2.

Remote Power Control Module (RPCM) N31B4A F1 Change Out
Kelly ha sostituito l’RPCM N31B4A F1 che si trova dietro il Node 3 Avionics Rack #1. Questo RPCM aveva subito, nel mese di marzo 2015, un’anomalia che aveva impedito la distribuzione di energia elettrica all’Audio Bus Coupler (ABC)-5, cioè un Orbital Replacement Unit (ORU) che fornisce ridondanza al segnale audio ed ai Caution/Warning Tones dal Node 3 fino a Cupola.

Russian Treadmill (БД-2) Repair
Oggi, Kornienko e Kononenko hanno sostituito il Thrust Compensator Bracket sul Treadmill (БД-2) russo. La staffa si era rotta il ​​mese scorso. Non essendo presente un ricambio a bordo della ISS, i Russian Ground Teams ne hanno spedito uno con la Progress 61P. Il Mission Control Center (MCC)-M, dopo aver ricevuto conferma della riparazione, ha autorizzato l’equipaggio russo ad utilizzare il loro Treadmill. Nel periodo di tempo durante il quale il Treadmill russo era inutilizzabile, l’equipaggio russo era stato autorizzato ad allenarsi sull’US Treadmill 2 (T2).

Robotics Refueling Mission (RRM)
Ieri, i Robotics Ground Controllers hanno manovrato lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Arm2 nella posizione prevista per poter proseguire le Robotics Refueling Mission (RRM) payload Task Board 3 (TB3) Science Operations. Tutti gli obiettivi TB3 sono stati completati. Questa sera, e durante la notte, i Ground controllers daranno il via alle operazioni scientifiche TB4.

 

7 ottobre

NanoRack Cubesat Deployer (NRCSD) Operations
Ieri sera sono stati rilasciati con successo due Dove CubeSats dal Deployer #5, mentre il tentativo notturno effettuato dal Deployer #6 non è andato a buon fine. Questa mattina sono stati lanciati due CubeSats dal Deployer #7. I Ground teams stanno studiando i motivi che non hanno permesso i rilasci dal Deployer #6.

Integrated Resistance and Aerobic Training Study (SPRINT) Configuration
Kelly ha indossato gli elettrodi per l’elettrocardiogramma e, sotto il monitoraggio di un cardiofrequenzimetro, ha svolto la sessione di allenamento SPRINT del Flight Day 195 (FD195) utilizzando il Portable Pulmonary Function System (PPFS) per monitorare i livelli di ossigeno – Volume of Oxygen (VO2) – nel corso degli esercizi svolti sul Cycle Ergometer with Vibration Isolation and Stabilization (CEVIS). Lo studio chiamato Integrated Resistance and Aerobic Training Study (Sprint), valuta il metodo di allenamento ad alta intensità e bassi carichi previsto per minimizzare la perdita di funzione cardiovascolare e di massa muscolare negli astronauti impegnati in missioni di lunga durata. Queste sessioni di acquisizione ecografica sono effettuate ad intervalli prestabiliti, ovvero al FD14, FD30, FD60, FD90, FD120, FD150, e Return-7.

Large Format Motion Picture Camera (IMAX) Activities
Kelly ha collegato l’IMAX Codex ad uno Station Support Computer (SSC) per poter inviare a Terra i file video registrati. I registi IMAX desiderano produrre un film in 3D dal titolo “A Perfect Planet”, un documentario che utilizzerà video e immagini acquisiti dallo spazio per illustrare gli impatti degli interventi dell’uomo e della natura sul nostro pianeta. IMAX desidera evidenziare anche gli sforzi profusi dalla NASA nell’esplorazione spaziale nonchè enfatizzare la ISS come piattaforma per la ricerca scientifica e come trampolino di lancio per l’esplorazione dello spazio profondo.

Sleep Log
Kelly e Kornienko proseguono l’attività di annotazione delle caratteristiche del loro sonno. L’esperimento Sleep ISS-12 analizza e raccoglie valutazioni soggettive sul sonno correlato all’esposizione alla luce ambientale ed alle attività svolte dall’equipaggio; vengono esaminati gli effetti del volo spaziale sul sonno correlandoli all’esposizione alla luce nel corso della missione di un anno sulla ISS.

Extravehicular Activity (EVA) Preparation
Yui ha predisposto le Extravehicular Mobility Unit (EMU) 3005 e 3011 al ciclo di lavaggio, al termine del quale sono stati prelevati 250 ml di acqua per le analisi; 10 ml di questo campione sono stati utilizzati per un test di conducibilità elettrica, mentre l’acqua rimanente verrà inviata a Terra per le analisi chimiche. Successivamente, Yui ha riconfigurato entrambe le tute per poter effettuare la manutenzione dei biocidi (iodinazione). Nel corso del pomeriggio, Lindgren ha rimosso dall’Airlock gli strumenti e gli oggetti che non verranno utilizzati nel corso delle prossime EVA. Kelly e Lindgren hanno anche lavorato all’adattamento delle EMU 3003 e 3010, quelle che saranno utilizzate durante le EVA. La EMU 3003 è stata adattata alle dimensioni di Kelly mentre la EMU 3010 a quelle di Lindgren.

Portable Emergency Provisions (PEPS) Inspection
Lindgren ha effettuato un’ispezione di routine ai Portable Fire Extinguisher (PFE), agli Extension Hose Tee Kit (EHTK), ai Portable Breathing Apparatus (PBA) ed alle Pre-Breathe Masks. Le Pre-Breathe Masks non sono classificate tra le attrezzature di emergenza ma hanno esigenze di manutenzione simili, quindi sono state incluse in questa ispezione.

Robotics Refueling Mission (RRM) Operations
Durante la notte, i Robotics Ground Controllers hanno manovrato lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) e lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) nella posizione prevista per avviare le TB4 Science Operations. Utilizzando il Multifunction Tool (MFT) si è provveduto al controllo ed all’estrazione del Blindmate Connector Adaptor (BCA). Subito dopo hanno manovrato BCA per collegarlo all’Electrical Test Port Panel (TTP) su TB4. Oggi, i Robotics Ground Controllers hanno rilasciato MFT dal BCA e manovrato SSRMS ed SPDM per poter effettuare la MFT Vision Task, ovvero la calibrazione delle telecamere di MFT, usando come obiettivo una immagine a scacchiera su TB4. Al termine SSRMS ed SPDM sono stati posti in posizione di parcheggio, in attesa di riprendere le attività.

 

8 ottobre

NanoRack Cubesat Deployer (NRCSD) #6 Operations
Durante la notte, sono stati effettuati tre tentativi, tutti infruttuosi, di ritrarre il fermo secondario associato al Deployer #6, operazione che avrebbe consentito il rilascio dei due rimanenti CubeSats. Questa settimana sono stati rilasciati complessivamente 14 CubeSats : 2 satelliti danesi e 12 Planet Lab Doves. Il satellite danese GOMX-3 dispone di antenne dotate di un sistema avanzato di puntamento e di diverse possibilità di comunicazione. Il satellite contiene tre radio; una riceve i beacons dagli aerei commerciali in volo e verrà utilizzata per migliorare il monitoraggio del traffico aereo, mentre le altre due effettueranno test di ricezione e di invio dati in banda L, lo spettro radio utilizzato dai satelliti GPS, ed in banda X, usata dai militari, dal monitoraggio meteorologico e dal controllo del traffico aereo. AAUSAT-5, il secondo satellite danese, utilizza un sistema di ricezione – Automatic Identification System (AIS) – in grado di monitorare i segnali delle navi. I nanosatelliti Dove sono in grado di acquisire quasi in continuo immagini di tutto il pianeta; tali immagini verranno utilizzate da applicazioni umanitarie ed ambientali che vanno dal monitoraggio sullo stato della foreste al monitoraggio delle calotte polari fino a contribuire al miglioramento della resa delle coltivazioni agricole sulla Terra. Questa settimana verranno rilasciati 16 satelliti CubeSats; 14 Planet Lab Doves e 2 satelliti danesi.

Integrated Resistance and Aerobic Training Study (Sprint) Volume of Oxygen Utilized (VO2) Max
Kelly ha indossato gli elettrodi per l’elettrocardiogramma e, sotto il monitoraggio di un cardiofrequenzimetro, ha svolto la sessione di allenamento SPRINT del Flight Day 195 (FD195) utilizzando il Portable Pulmonary Function System (PPFS) per monitorare i livelli di ossigeno – Volume of Oxygen (VO2) – nel corso degli esercizi svolti sul Cycle Ergometer with Vibration Isolation and Stabilization (CEVIS). Lo studio chiamato Integrated Resistance and Aerobic Training Study (Sprint), valuta il metodo di allenamento ad alta intensità e bassi carichi previsto per minimizzare la perdita di funzione cardiovascolare e di massa muscolare negli astronauti impegnati in missioni di lunga durata. Queste sessioni di acquisizione ecografica sono effettuate ad intervalli prestabiliti, ovvero al FD14, FD30, FD60, FD90, FD120, FD150, e Return-7.

Minus Eighty Degree Celsius Laboratory Freezer for ISS (MELFI) 2 Rack Interface Unit (RIU) Replacement
Questa mattina, Kelly ha sostituito il RIU guasto di MELFI 2. Dopo la sostituzione, i Ground teams sono stati in grado di riattivare con successo MELFI 2. Il 7 settembre l’unità aveva interrotto l’invio degli aggiornamenti “Health and Status”, contemporaneamente vi era stato un aumento progressivo della temperatura, sintomi che evidenziavano un blocco del motore Brayton.

Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES) Vertigo Setup
Yui ha ripassato le procedure, dopodichè ha partecipato ad una videoconferenza con gli SPHERES Ground team in preparazione dell’avvio di una nuova sessione SPHERES Vertigo, in programma per domani. L’indagine Vertigo utilizza i satelliti in volo libero dell’infrastruttura SPHERES per testare e dimostrare, in un ambiente complesso, le tecnologie e le tecniche relative alle ispezioni visuali ed alla navigazione avanzata. L’hardware ed il software del progetto Vertigo consentono agli oggetti SPHERES la costruzione di modelli tridimensionali di un oggetto di destinazione e, successivamente, di esplorare in volo libero questi oggetti avendo come unico riferimento i modelli 3D appena acquisiti.

Sleep Log
Kelly prosegue l’attività di annotazione delle caratteristiche del proprio sonno. L’esperimento Sleep ISS-12 analizza e raccoglie valutazioni soggettive sul sonno correlato all’esposizione alla luce ambientale ed alle attività svolte dall’equipaggio; vengono esaminati gli effetti del volo spaziale sul sonno correlandoli all’esposizione alla luce nel corso della missione di un anno sulla ISS.

Multi-Purpose Small Payload Rack 2 (MSPR2) Video Recording Unit 2 (VRU2) Checkout
Yui ha fornito supporto alla soluzione di un problema alla trasmissione del segnale video generato da MSPR2 VRU2. Yui ha collegato due videocamere ad MSPR2 per abilitare i Ground team ad effettuare il download di video ed immagini.

Node 1 Nadir Power Connections Part 1
Come parte delle attività racchiuse sotto il nome “USOS Reconfiguration”, Lindgren e Yui hanno sostituito alcuni connettori sulle paratie del vestibolo del Node 1 e Lab, dopodichè hanno collegato i cavi elettrici ai Power Domains “ISS 1” ed “ISS 2”. E’ in programma per domani il cablaggio di altri cavi ai Power Domains 1 e 4. Questi cavi forniranno energia elettrica al Node 1 Nadir Berthing Port ed al Galley Rack.

Service Module (SM) 8.08 Software Transition
Oggi, il software del Service Module Central Computers (ЦВМ) e del Service Module Terminal Computers (TBM) è stato aggiornato dalla versione SM 8.07 alla SM 8.08. Il nuovo software supporta i nuovi veicoli russi (Progress e Soyuz), fornisce 20 nuove manovre PDAM (Pre-Determined Debris Avoidance Maneuver) e rimuove il supporto agli Automated Transfer Vehicle (ATV).

Mobile Servicing System (MSS) Operations
Nel corso dell’attivazione odierna di MSS, lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Arm-2 Shoulder Yaw non è stato in grado di rilevare la posizione prevista ed ha inviato un segnale di “Invalid Joint Position”. Gli specialisti stanno raccogliendo i dati disponibili per lavorare alla soluzione del problema. Le attività scientifiche Robotics Refueling Mission (RRM), previste per oggi, sono state posticipate.

 

9 ottobre

Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES) Vertigo
Kelly e Yui hanno predisposto ed effettuato una nuova sessione dell’esperimento SPHERES Vertigo. L’indagine Vertigo utilizza i satelliti in volo libero dell’infrastruttura SPHERES per testare e dimostrare, in un ambiente complesso, le tecnologie e le tecniche relative alle ispezioni visuali ed alla navigazione avanzata. L’hardware ed il software del progetto Vertigo consentono agli oggetti SPHERES la costruzione di modelli tridimensionali di un oggetto di destinazione e, successivamente, di esplorare in volo libero questi oggetti avendo come unico riferimento i modelli 3D appena acquisiti.

MAGVECTOR
E’ stata completata la sesta sessione dell’indagine MAGVECTOR dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). MAGVECTOR indaga qualitativamente l’interazione tra un campo magnetico in movimento ed un conduttore elettrico.
[NDT : Il campo magnetico terrestre scorre costantemente intorno a noi influenzando la nostra vita quotidiana. Oltre a proteggerci dai venti solari, il campo magnetico viene utilizzato, ad esempio, dalle bussole ed aiuta gli uccelli a trovare la destinazione quando migrano. Questa stessa forza può interagire ed interferire con le apparecchiature e gli esperimenti della Stazione Spaziale Internazionale. MAGVECTOR studierà come il campo magnetico terrestre interagisce con un conduttore elettrico. Utilizzando sensori magnetici estremamente sensibili collocati intorno e sopra un conduttore, il ricercatore potrà ottenere informazioni sul modo in cui le influenze generate da un campo magnetico interagiscono con i conduttori elettrici. Questa ricerca non solo contribuirà a migliorare i futuri esperimenti che verranno effettuati sulla ISS, ma potrà offrire spunti sul modo in cui i campi magnetici influenzano i conduttori elettrici in genere.]

Large Format Motion Picture Camera (IMAX)
Kelly ha collegato l’IMAX Codex ad uno Station Support Computer (SSC) per poter inviare a Terra i file video registrati. I registi IMAX desiderano produrre un film in 3D dal titolo “A Perfect Planet”, un documentario che utilizzerà video e immagini acquisiti dallo spazio per illustrare gli impatti degli interventi dell’uomo e della natura sul nostro pianeta. IMAX desidera evidenziare anche gli sforzi profusi dalla NASA nell’esplorazione spaziale nonchè enfatizzare la ISS come piattaforma per la ricerca scientifica e come trampolino di lancio per l’esplorazione dello spazio profondo.

Journals
Kelly ha svolto oggi una nuova sessione dell’indagine Journals. Journals intende fornire informazioni sui problemi comportamentali umani che possono assumere una prospettiva rilevante nella progettazione di apparecchiature e procedure a supporto delle prestazioni degli astronauti durante le missioni di lunga durata. I risultati di questo studio forniranno importanti informazioni per aiutare la progettazione delle future missioni spaziali.

Sleep Log
Kelly e Kornienko proseguono l’attività di annotazione delle caratteristiche del loro sonno. L’esperimento Sleep ISS-12 analizza e raccoglie valutazioni soggettive sul sonno correlato all’esposizione alla luce ambientale ed alle attività svolte dall’equipaggio; vengono esaminati gli effetti del volo spaziale sul sonno correlandoli all’esposizione alla luce nel corso della missione di un anno sulla ISS.

Space Headaches
Yui e Lindgren hanno risposto alle domande del questionario dell’indagine sul mal di testa nello spazio. Gli obiettivi di questo studio sono rivolti a valutare la prevalenza e le caratteristiche della cefalea registrata dai membri dell’equipaggio posti in condizioni di microgravità.

NanoRack Cubesat Deployer (NRCSD) #6 Operations
Durante la notte sono state effettuate ulteriori analisi nel tentativo di risolvere il problema del mancato rilascio dei satelliti CubeSats. I tentativi di liberare i satelliti del Deployer #6 tramite i movimenti del JEMRMS non hanno avuto successo. Gli specialisti stanno decidendo i prossimi passi di intervento.

Node 1 Nadir Power Connections Part 2
Come parte delle attività racchiuse sotto il nome “USOS Reconfiguration”, Lindgren e Yui hanno sostituito alcuni connettori sulle paratie del vestibolo del Node 1 e Lab e collegato i cavi ai Power Domains 1 e 4. Questi cavi forniscono energia elettrica al Node 1 Nadir Berthing Port ed al Galley Rack. Durante questa attività, Lindgren non è riuscito ad accoppiare due connettori a causa di alcune interferenze. E’ stato realizzato un collegamento provvisorio per fornire elettricità agli Airlock Shell Heaters. Gli specialisti sono al lavoro per stabilire come procedere e per determinare gli impatti che questo problema potrà arrecare alla attività di verifica al vestibolo di Lab/Node 1, previste per sabato prossimo.

 

13 ottobre

Body Measures
Lindgren, con Kelly nel ruolo di operatore, ha completato la sessione Body Measures del Flight Day 80 (FD80). Lindgren ha predisposto le attrezzature per una nuova acquisizione delle misure e delle dimensioni del proprio corpo. La NASA non dispone ancora di una sufficiente raccolta di dati antropometrici (misure del corpo) necessari per valutare gli impatti sulle dimensioni e sulle forme che subiscono i corpi degli astronauti in orbita. L’obiettivo di questo studio è la comprensione dell’entità e della variabilità dei cambiamenti morfologici, nonchè analizzare gli spostamenti dei liquidi all’interno del corpo umano. Questo studio raccoglie i dati antropometrici mediante acquisizione di foto e video e la misurazione con un metro a nastro dell’altezza e di tutti i dati dei segmenti corporei (petto, vita, fianchi, braccia, gambe, etc) degli astronauti in condizioni di pre-volo, post-volo ed in volo. Questo studio è importante per poter predeterminare i cambiamenti che possono verificarsi durante il volo spaziale in missioni di lunga durata e per essere in grado di gestire le modifiche all’abbigliamento, alle postazioni di lavoro, etc.

Habitability
Oggi, Kelly ha effettuato una nuova sessione di questo esperimento. Habitability valuta la relazione tra i membri dell’equipaggio ed il loro ambiente in un ottica di miglioramento della progettazione e della predisposizione dei futuri veicoli impegnati in voli spaziali di lunga durata, quali ad esempio i voli verso i Near Earth Asteroids (NEA) e Marte. L’obiettivo finale è quello di comprendere quali siano le dimensioni necessarie ed ottimali, ed il relativo layout interno, della parte abitabile del velivolo spaziale. Le osservazioni registrate nel corso della missione spaziale di 1 anno, così come in tutte quelle di 6 mesi, aiuteranno i progettisti dei veicoli spaziali a capire quanto spazio del volume abitabile sia necessario, e se la durata di una missione possa avere impatti sull’equipaggio legati alle dimensioni del volume abitabile. L’applicazione iShort permette ai Ground teams ed agli specialisti degli impatti umani (human factor engineers) di studiare e valutare il design della ISS in un ottica rivolta alla progettazione dei futuri veicoli spaziali.

Large Format Motion Picture Camera (IMAX)
Yui ha collegato l’IMAX Codex ad uno Station Support Computer (SSC) per poter inviare a Terra i file video registrati. I registi IMAX desiderano produrre un film in 3D dal titolo “A Perfect Planet”, un documentario che utilizzerà video e immagini acquisiti dallo spazio per illustrare gli impatti degli interventi dell’uomo e della natura sul nostro pianeta. IMAX desidera evidenziare anche gli sforzi profusi dalla NASA nell’esplorazione spaziale nonchè enfatizzare la ISS come piattaforma per la ricerca scientifica e come trampolino di lancio per l’esplorazione dello spazio profondo.

Russian Pilot-T Experiment
Kelly ha effettuato una nuova sessione dello studio Pilot-T. L’obiettivo di questo esperimento è il miglioramento dei metodi e lo sviluppo di apparecchiature volte a valutare e prevedere l’affidabilità e le prestazioni dei membri dell’equipaggio durante l’esecuzione di compiti complessi, effettuati nel corso di una missione di lunga durata (es. pilotare un veicolo spaziale o governare un equipaggiamento robotico)

Observation and Analysis of Smectic Islands in Space (OASIS) Glycerol/Water Fill
Kononenko ha riempito il dispositivo inkjet con gocce di glicerolo e acqua, in preparazione di una nuova sessione dell’esperimento. OASIS studia il comportamento dei cristalli liquidi in microgravità, tra cui il loro movimento globale e la fusione di strati di cristallo, conosciuta con il nome “smectic islands”. I cristalli liquidi sono utilizzati negli schermi dei televisori e dei computer ma anche nei saponi e nelle membrane cellulari. L’esperimento permetterà l’analisi dettagliata del comportamento di queste strutture, e di come la microgravità colpisca la loro capacità unica di agire sia come un liquido che come un cristallo solido.
[NDT: OASIS è stato progettato per interfacciarsi, ed operare autonomamente attivato da Terra, con il Microgravity Science Glovebox (MSG). L’intervento dell’equipaggio è richiesto solo per l’installazione iniziale, per il caricamento e per il controllo dei campioni, e per la verifica della formazione di bolle. OASIS si compone di sette componenti hardware principali : il Bubble Chamber Enclosure, il Bubble Chamber Insert, l’Optics/Illumination Assembly, la Macro Camera, l’Electronics/Power Assembly, l’Avionics Assembly, il Soft Start Assembly ed il Digital I/O Cube Assembly. L’OASIS Experiment Module contiene quattro (4) getti d’aria che contengono anche elettrodi (su due getti d’aria) ed un tandem di riscaldatori/refrigeratori (sugli altri due getti d’aria), un iniettore di acqua/glicerolo, le fotocamere macro e micro ed i manipolatori. La Data Acquisition and Control Unit (DACU) controllerà l’esperimento tramite il laptop OASIS e si occuperà di salvare i dati degli esprimenti.]

Investigating the Structure of Paramagnetic Aggregates from Colloidal Emulsions-3 (InSPACE3)
Lindgren ha ispezionato e documentato lo stato dell’infrastruttura InSPACE. Egli ha usato anche il magnete di BCAT-3 per distribuire uniformemente le particelle contenute nelle fiale in vista delle prossime osservazioni. InSpace-3 raccoglie e registra i dati sui fluidi contenenti particelle che modificano le proprie proprietà fisiche in risposta ai campi magnetici a cui sono sottoposti. Un fluido colloidale magnetico, un esempio di fluido intelligente, contiene materiali liquidi che solidificano quando vengono sottoposti all’influenza di un campo magnetico, modificando così le proprietà fisiche del liquido nel suo complesso. Questa tecnologia si ripromette di migliorare la capacità di progettazione delle strutture, come ad esempio ponti ed edifici, per sopportare meglio le forze sismiche ed in generale per migliorare la progettazione delle strutture.

Fine Motor Skills
Lunedì, Kelly e Kornienko hanno completato una nuova sessione Fine Motor Skills. In questo esperimento i membri dell’equipaggio eseguono una serie di attività interattive su una tavoletta touchscreen. Questa è la prima indagine che abbina le capacità motorie ad una lunga esposizione alla microgravità, analizzando le diverse fasi di adattamento alla microgravità ed il recupero sensomotorio, una volta tornati alla gravità terrestre.

Journals
Nel corso delle giornate di sabato e lunedì, Kelly ha svolto nuove sessioni dell’esperimento. Journals intende fornire informazioni sui problemi comportamentali umani che possono assumere una prospettiva rilevante nella progettazione di apparecchiature e procedure a supporto delle prestazioni degli astronauti durante le missioni di lunga durata. I risultati di questo studio forniranno importanti informazioni per aiutare la progettazione delle future missioni spaziali.

ISS Extravehicular Mobility Unit (EMU) Umbilical (IEU) Removal and Replacement (R&R)
Lo scorso 23 settembre, l’equipaggio aveva trovato una fessura nel Service and Cooling Umbilical (SCU) O-ring, ovvero il connettore che collega l’IEU alla EMU. Entrambi gli IEU dovranno essere sostituiti all’inizio del prossimo anno poichè avranno raggiunto il loro fine vita. Gli specialisti hanno deciso di anticipare la loro sostituzione, prima dello svolgimento delle prossime attività extraveicolari. Oggi, Yui ha completato la sostituzione e la prima parte della procedura di attivazione e verifica dei nuovi IEU. La seconda parte verrà effettuata domani.

Water Sample and Analysis
Oggi, Yui ha raccolto due campioni d’acqua dal Potable Water Dispenser (PWD) per le periodiche verifiche sulla qualità dell’acqua. Il primo campione è stato immediatamente sottoposto all’analisi TOCA (Total Organic Carbon Analyzer), mentre il secondo campione è stato messo in incubazione in attesa dell’analisi microbica e sulla presenza di coliformi che verrà effettuata giovedì prossimo.

Fonte: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24439.0

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.