A Spinoff a Day – Cryostat misura con accuratezza le performance di isolamento termico

I metodi per conoscere la capacità di isolamento di un certo materiale, che sia destinato ad un veicolo spaziale in orbita o ad un frigorifero sulla Terra, sono sempre gli stessi: il calore si trasferisce dalla parte calda a quella fredda, ma esiste un modo per misurare con certezza i dettagli?

Negli anni 1990, mentre lavorava ad un aerogel (Spinoff 2010), il team di James Fesmire, senior pricipal investigator del Cryogenics Test Laboratory al KSC, arrivò ad un punto cieco: non esisteva ancora un metodo efficace per verificare le sue prestazioni isolanti, i macchinari disponibili non avevano sufficiente sensibilità per fornire misure accurate. Fesmire iniziò allora a sviluppare uno strumento che colmasse la mancanza. Utilizzò una camera cilindrica contenente un fluido criogeno come misuratore, e attorno ad essa posizionò un altro contenitore cilindrico, ma sottovuoto. Il materiale da testare viene dunque applicato attorno alla camera fredda, e dato che il calore del contenitore sottovuoto esterno si trasferisce a quello interno, esso passa attraverso la sostanza isolante. Il tasso di evaporazione del liquido criogeno è direttamente proporzionale alle performance isolanti del materiale di test, dunque è ora semplice raccogliere e valutare i risultati.

Dalle sfide superate durante il successivo processo di miglioramento nacque Cryostat 1, sviluppato poi in Cryostat 2, uno strumento di misurazione termica più semplice e facilmente utilizzabile in grado di testare qualsiasi materiale isolante desiderato. “Ora le proprietà termiche dei materiali possono essere misurate con un metodo standard e ripetibile sia per gli usi comuni che per le applicazioni estreme” afferma Fesmire.

Nel 2010 Cryostat 2 (ora Cryostat 200) è stato richiesto da diverse aziende private per sviluppo e certificazione interni, tra cui un’azienda di produzione di materiali industriali, una compagnia aerospaziale privata e la ditta QinetiQ North America, terzista del KSC. Secondo Jeff Kohler, responsabile commerciale di quest’ultima, solo una manciata di aziende offre dispositivi di test focalizzati sull’isolamento in ambienti estremi, e tra di essi nessuno riesce a gestire range di temperature così bassi come il Cryostat 200. Inoltre, la maggior parte dei dispositivi attuali fatica a stare al passo con i nuovi materiali presenti nell’industria.

QinetiQ NA prevede di commercializzare la tecnologia mirando ai settori di ricerca e sviluppo di nuovi materiali industriali, ma in realtà, come sottolinea Kohler, qualsiasi settore che utilizzi il controllo della temperatura ne può beneficiare, ad esempio quello alimentare o farmaceutico. Per i produttori di materiali isolanti la tecnologia permette di effettuare test in situ, in laboratorio o al momento stesso della produzione. “I ricercatori possono testare velocemente l’isolamento di 10 materiali diversi e comparare i risultati. Può essere usato per controllo qualità”. Il beneficio più importante, secondo Fesmire, è che la tecnologia è al passo con i tempi e perciò utilizzabile su materiali di nuova generazione come quelli presenti nell’industria aerospaziale, nel settore dell’energia o edile.

“Con Cryostat NASA ha stabilito nuovi standard nella valutazione dell’isolamento termico.”

Cryostat, lo strumento che misura con precisione l'isolamento termico di diversi materiali © NASA / Veronica Remondini

Cryostat, lo strumento che misura con precisione l’isolamento termico di diversi materiali © NASA / Veronica Remondini

Per approfondire:

Spinoff nel dettaglio [ENG]

Sito di QinetiQ North America [ENG]

Test di vari sistemi di misurazione di isolamento termico (Cryogenics Test-Lab / KSC) [pdf online – ENG]

Presentazione completa in pdf originale in inglese, traduzione italiana a cura di Veronica Remondini.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24407.0

Veronica Remondini

Appassionata di scienza, è intimamente meravigliata di quanto la razza umana sia in grado di creare, e negare tale abilità allo stesso tempo. Stoica esploratrice di internet, ha una sua condanna: le paroline blu che rimandano ad altre pagine. Collaudatrice dell'abbigliamento da moto Stark Ind., nel tempo libero cerca invano di portare il verbo tesliano nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.