Si avvicinano i test di volo per DragonFly

E’ arrivato nelle scorse settimane al centro di sperimentazione di SpaceX a McGregor in Texas il veicolo sperimentale DragonFly.
Il DragonFly è un prototipo propulso, con le forme e le masse della futura capsula Dragon V2, destinato ai voli suborbitali atmosferici per validare il sistema di atterraggio della capsula per voli umani.dragon_pad_abort_launch2
La DragonFly ospita per intero il sistema propulsivo della Dragon V2, composto dai motori ipergolici SuperDraco, alimentati da monometilidrazina (MMH) e tetrossido di azoto come i predecessori Draco, attualmente utilizzati per le manovre orbitali della Dragon cargo.

Il programma di test concordato con FAA prevederebbe 60 atterraggi, di cui 30 simulazioni di atterraggio con DragonFly assicurato ad una gru arrivando a circa 20m di altezza, 2 atterraggi con “propulsione assistita” ovvero con 3 paracadute e i SuperDraco accesi nell’ultima fase prima del contatto con il suolo e 2 atterraggi utilizzando esclusivamente i propulsori. Per questi ultimi 4 test la capsula sarà sganciata da un elicottero a circa 3000m di quota.dragon-on-land I rimanenti 26 atterraggi prevederanno inizialmente un decollo assistito utilizzando i propulsori con un’accensione di 12.5s, di questi, 8 serviranno per testare un atterraggio assistito con 2 soli paracadute e 18 utilizzando esclusivamente il sistema propulsivo. Fra tutti i test alcuni avverranno con il “trunk” non pressurizzato che verrà mantenuto agganciato, mentre tutti gli altri con la sola capsula. Tutti i test avverranno a McGregor in Texas, dove già in passato è stato testato il Grasshopper e si svolgeranno, se il programma verrà rispettato e non ci saranno contrattempi, nell’arco di 2 anni.

Fonte: SpaceX

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24307.0

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.