CST-100, al lavoro sulle rampe di lancio

La capsula CST-100 di Boeing su un lanciatore Atlas 5. (c) Boeing

ULA ha recentemente concluso una fase di Critical Design Review riguardante i siti che ospiteranno le partenze della futura capsula con equipaggio prodotta da Boeing.
È stato approvato il progetto della torre di accesso del personale, del relativo braccio-ponte e della cosiddetta “white room”. Parallelamente è stato rivisto il design concettuale del sistema di uscita di emergenza, che è simile a quello “a cesto” previsto sullo shuttle.
I lavori di costruzione dovrebbero iniziare al complesso SLC-41 in autunno, e durare circa 18 mesi, senza avere ripercussioni sull’operatività della rampa. Questo grazie all’approccio adottato per la realizzazione dei lavori: i vari elementi della torre e del braccio verranno pre-frabbricati altrove, e poi assemblati sul posto tra un lancio e l’altro, consentendo ad ULA di non derogare dal proprio manifesto di lancio.

(l’immagine in apertura è un rendering concettuale)

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.