La Progress M-23M raggiunge la ISS

Progress M-23M
Progress M-23M

Lo scorso 9 aprile la capsula di rifornimento automatica Progress M-23M si è correttamente agganciata alla Stazione Spaziale Internazionale dopo un volo di 6 ore dal lancio dal cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan.

Propulsa dallo storico vettore Soyuz ha raggiunto l’orbita in circa 9 minuti e dopo una serie di correzioni di rotta, secondo l’ormai quasi assodato profilo di volo di rendez-vous rapido, ha raggiunto in 4 orbite la sua postazione di aggancio al modulo Pirs della ISS.

A bordo portava un carico di 2,9 tonnellate tra carburante, osigeno, acqua, cibo fresco, rifornimenti per l’equipaggio, materiale medico, attrezzature elettroniche, apparecchiature scientifiche e materiale vario.

Il giorno successivo l’equipaggio della Expedition 38, con al comando il giapponese Koichi Wakata, ha iniziato le operazioni di scarico del materiale e trasferimento dei liquidi e gas verso il modulo russo Zvezda.

Questa è la 55° missione di rifornimento Progress (55P per la NASA) alla Stazione Spaziale dal 2000, cioè da quando viene stabilmente abitata da equipaggi ed è il 146° lancio verso la stessa dalla messa in orbita del primo modulo nel 1998.

La Progress M-23M rimarrà agganciata fino al prossimo 22 luglio quando procederà con un rientro distruttivo in atmosfera carica di rifiuti e materiale a perdere.

Fonte: SpaceFlightNow

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21283.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.