ISS Weekly Status Report – 04.2014

ISS, Shuttle ed ATV

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

18 dicembre

External Thermal Control System (ETCS) Loop A Status
I Flight Controller ieri hanno installato la patch software al S1-1 MDM, oggi hanno continuato ad effettuare alcuni test sull’ETCS Loop A per riprendere il controllo preciso della temperatura. Il Node 2 Moderate Temperature Loop (MTL) IFHX è ancora separato dall’ETCS loop A, per questo motivo la metà delle apparecchiature del Node 2, del JEM e di Columbus sono spente.

Extravehicular Activity (EVA) Mobility Unit (EMU) 3011 Preparation
Questa mattina gli ingegneri di volo (FE-3) Hopkins e (FE-5) Mastracchio hanno rimosso l’HUT di media dimensione dalla EMU 3011 sostituendolo con un HUT di grandi dimensioni e scambiato i Secondary Oxygen Packs (SOP) delle EMU. Nel corso della giornata Mastracchio ha verificato che la EMU riassemblata fosse completamente funzionante. Le USOS EVA, per la riparazione dell’ETCS Loop A, sono in programma il 21, 23 e 25 dicembre (quest’ultima solo se sarà necessaria).

Ocular Health (OH) Optical Coherence Tomography (OCT) Test and Fundoscope Examination Deferred
Le sessioni Ocular Health (OH) e Optical Coherence Tomography (OCT) previste per oggi, sono state posticipate per permettere agli astronauti di dedicare il maggior tempo possibile alle attività di preparazione delle EVA.

 

19 dicembre

External Thermal Control System (ETCS) Loop A Status
Il Node 2 Moderate Temperature Loop (MTL) IFHX è ancora separato dall’ETCS loop A, per questo motivo la metà delle apparecchiature del Node 2, del JEM e di Columbus sono spente.

Extravehicular (EVA) Preparations
In vista della EVA, pianificata per sabato prossimo, (FE-5) Mastracchio ha completato la manutenzione alla EVA Mobility Unit (EMU) 3011.
(FE-3) Hopkins, Mastracchio e (FE-6) Wakata hanno ripassato le procedure di utilizzo dell’hardware che utilizzeranno durante l’attività extra-veicolare e studiato le operazioni connesse alle procedure di sicurezza – Simplified Aid for EVA Rescue (SAFER). Wakata ha configurato due fotocamere D2X con obiettivi da 28 mm e predisposto una protezione a copertura delle fotocamere che verranno utilizzate durante la EVA.

Lab Truss Contingency Jumper Installation
Per sopperire al fermo del Loop A che verrà attuato durante le prossime EVA, l’equipaggio ha installato il Lab Truss Contingency Jumper che fornirà energia elettrica per i carichi a valle del DDCU S01A.

Biochemical Profile
Wakata ha completato gli esami della sessione denominata Biochemical Profile and Repository, avendo raggiunto il traguardo del Flight Day (FD30), raccogliendo campioni di sangue ed urina. Wakata è stato in grado di eseguire questi test poichè lo Human Research Facility (HRF) del Rack 2 è stato attivato con l’alimentazione ausiliaria in conformità con i limiti di potenza imposti dalle attuali condizioni dell’ETCS Loop A.
Il sangue e le urine sono comunemente utilizzati per valutare lo stato della salute di un astronauta, misurando i biomarcatori chiave presenti in questi fluidi.
Questa indagine, che ha inizio nel periodo di pre-volo dell’astronauta, prosegue durante la permanenza nello spazio per poi terminare con ulteriori esami nel periodo post-volo, ha come scopo il determinare se le alterazioni del sistema immunitario indotte dal volo spaziale possono aumentare la suscettibilità di infezione o rappresentare un rischio sanitario significativo per i membri dell’equipaggio a bordo della ISS.

 

20 dicembre

Extravehicular Activity (EVA) preparation
Gli ingegneri di volo (FE-3) Hopkins, (FE-5) Mastracchio e (FE-6) Wakata hanno eseguito gli ultimi controlli e verifiche in vista della attività extra-veicolare prevista per domani. L’equipaggio ha inoltre ripassato le procedure di decontaminazione dall’ammoniaca e la timeline delle attività previste per la EVA. L’apertura del portello, azione che segnerà l’inizio della EVA 24, è prevista per le ore 06:10 CDT circa di sabato 21 Dicembre.

Robotics Onboard Trainer (ROBOT) Session 2
Wakata ha completato una seconda sessione di addestramento sul simulatore ROBOT per acquisire competenze nella gestione e nell’uso dello Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) nelle operazioni connesse con la rimozione e la sostituzione della pompa dell’ETCS Loop A.

Node 1 (N1) Isolation Jumper Removal
Hopkins ha rimosso l’N1 isolation jumper dal N1 RS1 Secondary Power Distribution Assembly (SPDA). Questa attività ha permesso il recupero del bus di potenza Z14B per prevenire guasti al DC to DC Converter Unit (DDCU) S04B o altre interruzioni di alimentazione a monte.

Mobile Servicing System (MSS) Operations
I Robotics Ground Controller hanno attivato MSS, spostato lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) dal Power Data Grapple Fixture (PDGF) del Node 2 al Mobile Base System (MBS) PDGF1 e configurato la traslazione del Mobile Transporter (MT) dal Worksite 4 (WS4) al Worksite 2 (WS2). Infine hanno manovrato SSRMS nella posizione prevista per l’avvio della EVA di domani.

External Thermal Control System (ETCS) Loop A Depress
I Flight Controller hanno ridotto la pressione interna del circuito dell’ETCS a 180 psi per facilitare lo sgancio rapido (Quick Disconnect) durante la prossima EVA.

Oxygen Generation Assembly (OGA) Status
La scorsa notte un OGA Rotary Separator Accumulator (RSA) si è fermato interrompendo la generazione di ossigeno e la circolazione dell’acqua nella sezione USOS della ISS. I team di supporto ritengono che il problema sia dovuto ad una piccola quantità di gas libero nel sensore, ma in ogni caso sono ancora in corso ulteriori verifiche.

Waste and Hygiene Compartment (WHC) Status
Oggi la pompa del separatore WHC si è bloccata. L’equipaggio è stato in grado di sostituire il pezzo guasto ed ora il WHC funziona nominalmente.

Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA) Faults
Il Node 3 CDRA ha evidenziato da ieri innumerevoli problemi a cui si è riusciti ogni volta a porre rimedio. La valvola ASV 101 è stata sostituita alla fine di ottobre e non ci sono ricambi nuovi a disposizione sulla ISS.
E’ previsto l’arrivo di due nuove valvole ASV con la missione Orbital-1 il cui lancio non avverrà prima del 7 gennaio 2014. A bordo della ISS vi sono ancora due ASV usate ed usurate, già oggetto di sostituzione per problemi di performance. Gli specialisti a terra stanno valutando come intervenire.

 

21 dicembre

USOS Extravehicular Activity (EVA) #24
Gli ingegneri di volo (FE-5) Mastracchio e (FE-3) Hopkins hanno completato con successo una attività extra-veicolare della durata di 5 ore e 28 minuti. L’equipaggio è stato in grado di rimuovere il modulo guasto della pompa, installare il PM jumper e riporre il PM guasto nel Payload ORU Accommodation (POA). (FE-6) Wakata ha collaborato con i colleghi supportando l’attività extra-veicolare manovrando lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS).

Oxygen Generation Assembly (OGA) Status
Durante la notte i Flight Controller hanno effettuato una verifica all’OGA e sono riusciti a riavviare il sistema. Sono ora in corso le indagini per comprendere la causa che ne aveva provocato l’arresto lo scorso giovedì.

 

22 dicembre

Extravehicular Activity (EVA) Mobility Unit (EMU) Resize
Dopo aver concluso la EVA di ieri, l’interruttore del distributore dell’acqua della EMU 3010 è stato inavvertitamente acceso per 2-3 secondi ed ora la tuta è stata dichiarata NO-GO in attesa di una completa essiccazione che però non può essere eseguita a causa di problemi di infiltrazione d’acqua nel sublimatore.
Oggi (FE-3) Hopkins e (FE-5) Mastracchio hanno reindossato le tute per calzarle sulla propria taglia visto che Hopkins indosserà la EMU 3005 e Mastracchio la EMU 3011. Inoltre entrambi hanno riempito i loro Liquid Cooling di backup ed il Ventilation Garments (LCVGs).
La messa a punto delle nuove EMU, dovendo indossare tute diverse da quelle usate nella precedente EVA, ha occupato più tempo del previsto e per questo motivo si è resa necessaria una ripianificazione della US EVA # 25 a martedì 24 Dicembre da lunedì 23 dicembre come originariamente previsto.

US EVA 25 Procedure and Dynamic Onboard Ubiquitous Graphics (DOUG) Review
Hopkins, Mastracchio e Wakata hanno ripassato le procedure previste per la EVA di martedì prossimo. L’equipaggio ha utilizzato il software DOUG per simulare i corretti movimenti del braccio robotico. Al termine dell’addestramento l’equipaggio ha effettuato un debriefing con gli specialisti a Terra.

 

23 dicembre

US Extravehicular Activity (EVA) 25 Prep
L’equipaggio USOS oggi gode di una mezza giornata di riposo in vista della EVA di domani. (FE-3) Hopkins e (FE-5) Mastracchio hanno proseguito la preparazione dell’attività extra-veicolare di domani terminando la ricarica delle batterie, configurato gli strumenti e predisposto gli attrezzi nel Airlock. Dopo aver completato queste attività, l’equipaggio ha effettuato un debriefing con gli specialisti a Terra.

RS EVA #37 Dry Run
Il Comandante (CDR) Kotov, (FE-2) Ryazanskiy e (FE-4) Tyurin hanno eseguito il Dry Run in vista della RS EVA # 37 in programma per venerdì. I cosmonauti hanno indossato le tute Orlan e verificato le attrezzature mediche. Kotov e Ryazanskiy hanno inoltre ripassato le varie procedure connesse alla loro attività extra-veicolare.

 

24 dicembre

USOS Extravehicular Activity (EVA) # 25
Michael Hopkins (EV1) e Rick Mastracchio (EV2) hanno effettuato oggi la USOS EVA 25. Questa è stata la seconda attività extra-veicolare delle due previste per sostituire la pompa guasta – S1 Pump Module (PM) – che controlla il sistema esterno di controllo termico – External Thermal Control System (ETCS).
Hopkins ha collegato le quattro linee di ammoniaca ed i cinque connettori elettrici al PM di ricambio senza problemi, dopodichè ha effettuato alcune verifiche. Questa EVA ha inoltre permesso di recuperare e portare all’interno della ISS ciò che era stato lasciato all’esterno dagli astronauti che avevano effettuato la USOS EVA 23 del 16 luglio 2013.
L’equipaggio, in fase di rientro a conclusione della attività extra-veicolare, ha eseguito nel Airlock la procedura di decontaminazione utilizzando il Contamination Detection Kit (CDK) al termine della quale ha potuto lasciare la camera di compensazione e fare ritorno nel Crewlock. Non è stata rilevata nessuna contaminazione di ammoniaca per cui la USOS EVA 25, della durata di 7 ore e 30 minuti, si è conclusa alle 13:23 CST.

 

26 dicembre

Post-EVA Operations
(FE-5) Mastracchio e (FE-3) Hopkins hanno eseguito le consuete attività di manutenzione post-EVA alle loro tute EMU – Extravehicular Mobility Unit, inoltre hanno prelevato campioni del Liquid Cooling and Ventilation Garments (LCVG) per spedirli a Terra per le analisi.
Questi campioni verranno utilizzati per le indagini relative al problema verificatosi al circuito di raffreddamento della EMU 3011.
Gli astronauti hanno successivamente ripristinato i livelli dei serbatoi d’acqua e verificato il circuito di raffreddamento delle EMU 3005, 3011, 3010 e 3015.

External Thermal Control System (ETCS) Loop A Re-integration Status
Ieri tutti gli Interface Heat Exchangers (IFHXs) sono stati reintegrati sul Loop A ripristinando in questo modo la piena capacità di smaltimento del calore in eccesso.

RS EVA 37 Preparations
Proseguono senza intoppi i preparativi per la EVA russa. Oggi l’equipaggio ha chiuso i portelli verso della Progress 53P, mentre quelli verso la 52P erano stati chiusi domenica scorsa. Tutte le attrezzature usate dalle USOS EVA che verranno utilizzate anche dalla RS EVA 37, sono state trasferite per essere nelle disponibilità dell’equipaggio russo. La RS EVA 37 è in programma per domani, 27 dicembre.

Mobile Servicing System (MSS) Operations
I Robotics Ground Controllers, in seguito alla riparazione dell’ETCS Loop A, hanno potuto ripristinato MSS alla configurazione nominale.

 

27 dicembre

Russian EVA 37
Kotov (EV1) e Ryazansky (EV2) hanno eseguito la RS EVA 37 della durata di 8 ore e 7 minuti. Durante l’attività extra-veicolare Hopkins è stato isolato nel MRM-2/36S mentre Tyurin, Mastracchio e Wakata hanno avuto accesso a tutti i moduli posti dopo SM/DC1.
Tra le varie attività previste per questa EVA vi era l’installazione della High Resolution Camera (HRC) e della Medium Resolution Camera (MRC) e dei relativi cablaggi, ma a causa di una non positiva verifica post-installazione, le telecamere sono state disinstallate e riportate all’interno della ISS. Le attività previste ma non completate durante questa EVA comprendono anche il mancato recupero del СКК #2-СО cassette container, la rimozione e lo smaltimento del telaio MPAC & SEED e l’acquisizione di alcune foto di dettagli esterni della ISS.

Microbiome Investigation
L’ingegnere di volo (FE-3) Hopkins ha completato la sessione di indagine Microbiome essendo giunto al traguardo del Flight Day 60 (FD60).
L’indagine Microbiome include il prelievo di campioni dalla superficie della ISS, dal proprio corpo e l’inserimento di quanto raccolto nei contenitori di stivaggio a freddo.
L’esperimento Microbiome indaga gli impatti che i viaggi nello spazio possono arrecare al sistema immunitario ed al campione di microbi che vivono normalmente e costantemente sul corpo umano.
Per monitorare lo stato del sistema immunitario e del microbioma dei membri dell’equipaggio, si procede ad una raccolta periodica di campioni prelevati da diverse parti del corpo e da zone della ISS con cui gli astronauti vengono in contatto.

Space Headaches Investigation
Gli ingegneri di volo (FE-3) Hopkins, (FE-5) Mastracchio e (FE-6) Wakata hanno compilato il questionario settimanale per l’indagine patrocinata da ESA relativa al mal di testa nello spazio – Space Headaches.
Essi devono compilare un questionario al termine di ogni settimana, per tutta la durata della loro missione. Il mal di testa può essere un disturbo comune durante i voli spaziali e potrebbe influenzare negativamente le capacità mentali e fisiche degli astronauti impegnati in una missione spaziale.
Questa indagine ha inizio con la raccolta dei questionari pre-volo, e prosegue con i dati di post-volo per valutare la prevalenza e le caratteristiche della cefalea registrata dai membri dell’equipaggio posti in condizioni di microgravità.
I ricercatori utilizzeranno questi dati per valutare gli episodi di mal di testa di ciascun membro dell’equipaggio, analizzeranno le caratteristiche di ogni mal di testa per fornire la base per lo sviluppo di future contromisure.

COSMO Shoot
Wakata ha predisposto il COSMO laptop e la fotocamera 4K per catturare immagini della superficie terrestre, nello specifico panoramiche degli Stati Uniti e del Canada. Completata la sessione, Wakata ha rimosso tutta l’attrezzatura per riporla temporaneamente nel Japanese Experiment Module (JEM).

 

30 dicembre

Spinal Ultrasound Scan Operations
(FE-3) Hopkins, coadiuvato da (FE-5) Mastracchio a sua volta guidato dagli specialisti a Terra, ha eseguito la seconda delle tre sessioni di ecografia spinale previste per lui durante la sua permanenza a bordo della ISS. Questa indagine si propone di caratterizzare le alterazioni della colonna vertebrale per i soggetti che vivono in ambienti in microgravità. I risultati di questa ricerca forniranno le indicazioni per migliorare la salute degli equipaggi impegnati in missioni spaziali di lunga durata.

Human Research Facility (HRF) Space Linear Acceleration Mass Measurement Device (SLAMMD) Body Measures
Hopkins, Mastracchio e Wakata hanno eseguito le misurazioni della propria massa corporea. Queste misurazioni sono utilizzate a sostegno dell’esperimento Pro K e dell’esperimento relativo alle dimensioni del corpo.
SLAMMD fornisce indicazioni sulla massa corporea attraverso l’applicazione della seconda legge del moto di Newton (la forza è uguale alla massa per l’accelerazione).
Vengono usate due molle per generare una forza nota contro un membro dell’equipaggio posto su un braccio di estensione e l’accelerazione risultante viene utilizzata per calcolare la massa del soggetto.

Integrated Resistance and Aerobic Training Study (SPRINT)
A causa di un problema con il Portable Pulmonary Function System (PPFS), Wakata non è stato in grado di completare la sessione Sprint VO2. Gli specialisti a Terra stanno valutando il da farsi per la risoluzione del problema.
L’esperimento, denominato Integrated Resistance and Aerobic Training Study (Sprint), valuta il metodo di allenamento ad alta intensità e bassi carichi previsto per minimizzare la perdita di funzione cardiovascolare e di massa muscolare negli astronauti impegnati in missioni di lunga durata.
Lo scopo a lungo termine di questo studio è l’identificazione delle opportune contromisure che gli equipaggi dovranno adottare quando impegnati in voli spaziali di lunga durata.

Ocular health Vision Test
Wakata ha completato la sessione relativa al benessere oculare. Questi test valutano i risultati di acuità visiva, la profondità del campo visivo e la sensibilità al contrasto. Questi esami fanno parte della Ocular Health Tonometry la cui conclusione è prevista per il 2 Gennaio 2014.

Crew Health Care System (CHeCS) Drill
Questa sessione di addestramento offre ai membri dell’equipaggio l’opportunità di lavorare come una squadra nella risoluzione di una emergenza medica simulata. Questa sessione rinfresca la memoria sulle procedure, sull’uso delle attrezzature e sui luoghi di stivaggio presenti a bordo della ISS.

Fonte : NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=20930.0

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.