Partita verso Marte la storica missione indiana

Mars Orbiter Mission (MOM), la sonda indiana diretta verso Marte, è stata lanciata con successo martedì 5 novembre 2013 alle 10:08 ora italiana, dal Satish Dhawan Space Centre a Sriharikota, nell’India sud-orientale.

La sonda dell’agenzia spaziale indiana (ISRO) è stata immessa in orbita terrestre da un lanciatore PSLV (Polar Satellite Launch Vehicle) dopo una prima fase di missione durata circa 45 minuti. Si è trattato del 25-imo lancio del PSLV dal 1993, e il 21-imo successo consecutivo per questo lanciatore a 4 stadi, di cui due a propellenti solidi (più i booster laterali) e due a propellenti liquidi ipergolici.

“Sono estremamente felice di annunciare che il lanciatore PSLV-C25 ha immesso la sonda Mars Orbiter in un’orbita ellittica molto precisa intorno alla Terra”, ha dichiarato K. Radhakrishnan, presidente dell’ISRO. “Questo è il 25-imo volo del nostro PSLV ed è stato un progetto di missione estremamente complesso per assicurare di poter spostare la sonda dall’orbita terrestre a quella marziana con il minimo dispendio energetico”.

Il profilo di missione della sonda indiana. (c) ISRO

Il profilo di missione della sonda indiana. (c) ISRO

Dopo la separazione dell’orbiter dal quarto stadio del PSLV, ISRO ha confermato che il satellite è in salute e i pannelli solari si sono dispiegati regolarmente. Il lanciatore non ha immesso la sonda in una traiettoria diretta verso Marte. Saranno necessari, invece, sei accensioni dei propulsori della sonda per lasciare l’orbita terrestre nelle prossime settimane. L’immissione nell’orbita di trasferimento è attualmente prevista per il prossimo 1 dicembre.

MOM arriverà in orbita marziana a settembre del 2014, facendo così di ISRO la quarta agenzia spaziale a inviare con successo una missione sul pianeta rosso, dopo le agenzie spaziali americana, sovietica ed europea.

La piccola missione indiana, sviluppata in meno di due anni per un costo di 73 milioni di dollari, utilizzerà i suoi cinque strumenti per studiare Marte da un’orbita fortemente ellittica. Le comunicazioni con la Terra sono assicurate grazie alla collaborazione con la NASA, che ha messo a disposizione la propria rete di antenne Deep Space Network.

Sarà proprio la NASA a lanciare la prossima missione verso il pianeta rosso il 18 novembre, quando dovrebbe partire MAVEN (Mars Armosphere Volatile EvolutioN), un altro orbiter che si aggiungerà alla folta schiera di orbiter e rover stanno studiando attualmente il quarto pianeta del sistema solare.

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.