Finalizzato il passaggio a Boeing dell’OPF-3 al KSC

Boeing ha finalizzato l’accordo con Space Florida per l’utilizzo di un hangar dello shuttle al Kennedy Space Center della NASA, in Florida. Verrà utilizzato per la costruzione e la manutenzione della nuova capsula Crew Space Transportation 100 (CST-100).

“Le risorse e l’esperienza della Space Coast sono essenziali per i nostri piani e questo accordo solidifica la nostra collaborazione con lo stato della Florida”, ha dichiarato John Mulholland, vice presidente di Boeing e program manager dei programmi commerciali. “Boeing si è impegnata a fornire il sistema di trasporto spaziale commerciale più innovativo, sicuro ed economico alla NASA e agli altri clienti commerciali, e l’aggiunta di un hangar per le operazioni sulla capsula gioca un ruolo fondamentale nei nostri piani”.

L’hangar, conosciuto come “Orbiter Processing Facility 3 (OPF-3)” nell’era dello shuttle, è stato recentemente ribattezzato C3PF (Commercial Crew and Cargo Processing Facility), e sono in corso i lavori per adattarlo alla capsula CST-100 da parte di Space Florida.

“Boeing e Space Florida continuano la loro collaborazione per rinnovare le strutture in eccesso della NASA per l’utilizzo futuro nell’ambito del programma commerciale per il trasporto di astronauti di Boeing”, ha dichiarato Frank Dilibello, presidente ed amministratore delegato di Space Florida. “Dopo il completamento della fase uno, non vediamo l’ora di finire la prossima fase di ammodernamento delle strutture”.

Space Florida è l’agenzia statale indipendente per lo sviluppo aerospaziale. La fase 1 dell’ammodernamento del C3PF è stata completata lo scorso febbraio. La fase 2 è cominciata a settembre con miglioramenti che vanno da aggiornamenti tecnologici ai sistemi elettrici ed ambientali al rifacimento della pavimentazione. Boeing prevede di prendere possesso dell’hangar nella primavera del 2014.

Il Commercial Crew Program di Boeing prevede di effettuare il primo lancio di test nel 2016. Tra le prove svolte fino a qui su CST-100, effettuate in collaborazione con la NASA, ci sono stati i test di recupero in acqua della capsula. Recentemente Boeing ha presentato a Houston il simulacro in scala 1:1 della CST-100.

Mockup della capsula Boeing CST-100. (c) Boeing

Mockup della capsula Boeing CST-100. (c) Boeing

La capsula di Boeing trasporterà astronauti in orbita bassa terrestre, come ad esempio sulla stazione spaziale internazionale (ISS) o sulle stazioni spaziali gonfiabili che sta sviluppando Bigelow Aerospace. CST-100 è progettata per ospitare fino a sei membri di equipaggio o un mix di astronauti e cargo.

Fonte: Boeing

 

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.