L-443: L’avventura sottomarina di Andreas Mogensen

Andreas Mogensen testa un attrezzo ginnico di piccole dimensioni nell'habitat Aquarius durante la missione SEATEST. Fonte: Andreas Mogensen/ESA
Andreas Mogensen testa un attrezzo ginnico di piccole dimensioni nell'habitat Aquarius durante la missione SEATEST. Fonte: Andreas Mogensen/ESA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Colonia (Germania), 14 settembre 2013—Mi sto godendo un raro weekend a casa a Colonia: nessun addestramento tranne, come di consueto, l’esercizio fisico.

L’allenamento alla forza e alla resistenza è un’attività giornaliera per gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Abbiamo equipaggiamenti molto efficaci a bordo che ci aiutano a ridurre la perdita muscolare e ossea associata alla lunga esposizione all’assenza di peso. Ma quell’equipaggiamento è anche molto ingombrante. Considerate che la ISS è un gigantesco veicolo spaziale in confronto a qualunque altra cosa useremo in futuro per l’esplorazione spaziale oltre la Low Earth Orbit (orbita terrestre bassa), così avremo probabilmente bisogno di dispositivi più piccoli in futuro.

Sembra che il mio collega Shenanigan Andreas Mogensen abbia assemblato e testato un simile dispositivo durante la sua missione SEATEST nell’habitat sottomarino Aquarius. Date un’occhiata al video del suo resoconto!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

  Questo articolo è © 2006-2022 dell'Associazione ISAA - Licenza

Samantha Cristoforetti

Ingegnere ed ex ufficiale dell'Aeronautica Militare, dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ha volato nello spazio per 199 giorni, dal 23 novembre 2014 all'11 giugno 2015 per la missione Futura, svoltasi a cavallo tra Expedition 42 ed Expedition 43.