Un telescopio privato al polo sud della Luna

International Lunar Observatory Association (ILOA) e Moon Express Inc. hanno presentato la prima missione diretta al polo sud lunare. L’annuncio è stato fatto lo scorso 18 luglio 2013 durante una conferenza organizzata dal Lunar Science Institute della NASA presso l’Ames Research Center di Mountain View, in California.

La missione, finanziata con fondi privati, ha sia obiettivi scientifici che commerciali, e consiste nel far atterrare un telescopio, l’International Lunar Observatory (ILO) al polo su della Luna su un lander robotico di Moon Express, stabilendo quindi un osservatorio astrofisico permanente e un sistema di telecomunicazioni commerciale a disposizione di ricercatori professionisti e dilettanti.

Moon Express utilizzerà la missione anche per esplorare il polo sud lunare in cerca di minerali ed acqua. Missioni precedenti hanno infatti trovato prove di depositi di minerali e composti volatili nelle regioni sud-polari del nostro satellite naturale.

ILO, con la sua antenna parabolica del diametro di 2 metri, sarà il primo strumento a condurre osservazioni astrofisiche e telecomunicazioni per utenti internazionali dalla superficie della Luna, fornendo un servizio di ricerca e trasmissione, e rendendo possibile progetti di divulgazione ed educazione dalla Luna, quali il “Galaxy 21 Century Education Forum” e il “Citizen Science”.

“L’ILO dimostrerà il valore scientifico della Luna per studiare la galassia, la Luna, la Terra, il Sole e le stelle”, ha dichiarato Steve Durst, fondatore e direttore dell’ILOA e della casa editrice Space Age Publishing Company. “Siamo un consorzio globale di scienziati, educatori, imprenditori e visionari che cercano di stabilire una presenza scientifica sulla Luna, seguita da esplorazione umana e, infine, da una colonizzazione permanente”. La Space Age Publishing Company, società commerciale affiliata a ILOA, intende trasmettere il suo Lunar Enterprise Daily e il settimanale Space Calendar utilizzando l’ILO. ILOA prevede che la missione al polo sud lunare possa avvenire entro il 2016 e contribuire alla crescita dell’umanità come una specie multi-planetaria.

Moon Express, il partner prescelto nell’impresa, fornirà il lander lunare, l’architettura di missione e la gestione delle operazioni. La compagnia fu presentata al pubblico nell’agosto del 2010 come compagnia privata per lo sfruttamento delle risorse lunari, e sta collaborando con NASA per lo sviluppo di un lander lunare. Moon Express comincerà a lanciare una serie di missioni robotiche scientifiche, commerciali e di esplorazione verso la Luna nel 2015.

L’obiettivo prescelto per l’International Lunar Observatory per la sua missione è la montagna Malapert, presso il polo sud lunare. “Siamo veramente contenti di annunciare che la nostra seconda missione verso la Luna sarà diretta verso il polo sud per posizionare l’International Lunar Observatory e per valutare le risorse disponibili in sito”, ha dichiarato Robert “Bob” Richards, amministratore delegato di Moon Express. “La missione ci regalerà un atterraggio storico in una  regione inesplorata della Luna che potrebbe nascondere uno dei depositi di risorse più vasti del sistema solare”.

Il prototipo ILO-X presentato a maggio 2013. (c) MoonEx/ILOA

Il prototipo ILO-X presentato a maggio 2013. (c) MoonEx/ILOA

Lo scorso 25 maggio, ILOA e Moon Express avevano presentato al pubblico ILO-X, il precursore dell’ILO che volerà sulla Luna nel 2015 durante la missione inaugurale di Moon Express.

L’International Lunar Observatory Association (ILOA) è un’associazione senza fini di lucro basata alle Hawaii per aiutare a realizzare l’ILO, e si prefigge come obiettivi l’avanzamento della conoscenza umana della galassia e del cosmo attraverso l’osservazione dalla Luna e la partecipazione alla costruzione di una base lunare. ILOA è anche co-sponsor insieme a Space Age Publishing Company di una serie di forum educativi e divulgativi denominata “Galaxy Forum”. ILOA è supportata da numerosi personaggi di spicco dell’ambito spaziale, tra cui il Direttore Emerito John Young, comandante dell’Apollo 16.

Moon Express (MoonEx) è una compagnia privata fondata per aprire nuove vie commerciali e attività spaziali oltre l’orbita terrestre. Selezionata da Forbes tra i “15 nomi che dovreste conoscere” nel 2011, la compagnia collabora con NASA per lo sviluppo di un lander lunare e sta progettando una serie di missioni robotiche a basso costo verso la luna per clienti governativi e commerciali, con l’obiettivo di lungo termine di localizzare e sviluppare risorse lunari da utilizzare nello spazio e sulla Terra. Moon Express ha vinto un contratto da 10 milioni di dollari da NASA nel 2010 per attività commerciali lunari ed è uno dei team favoriti alla vittoria finale del valore di 30 milioni di dollari del Google Lunar X-Prize.

Fonti: Moon Express, ILOA

 

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19824

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.