Procede la fase di commissioning di MetOp-B

La fase di commissioning del satellite meteorologico europeo MetOp-B, operato dall’ente europeo Eumetsat e lanciato con il supporto di ESA è in pieno svolgimento. Già quattro strumenti del satellite, AMSU-A, ASCAT, MHS e GRAS sono stati accesi e resi operativi, fornendo i primi dati al centro di controllo missioni EumetSat di Darmstadt.

La prima immagine di Metop-B Microwave Humidity Sounder (MHS). (C) Eumetsat

MetOp-B, lanciato il 17 settembre da Baikonur con una Soyuz, ha passato infatti con  successo il passaggio di consegne da ESA, che ha gestito la LEOP (Launch and Early Orbital Phase) dalla Main Control Room (MCR) del centro delle operazioni spaziali ESOC, ad Eumetsat, a poche centinaia di metri dal centro europeo. Le prestazioni del satellite, che fornirà la continuità operativa di MetOp-A in orbita polare, sono ottime e saranno testate nella fase di commissioning appena iniziata e che durerà, nella sua interezza, 6 mesi.

ASCAT (Advanced Scatterometer) e MHS (Microwave Humidity Sounder) sono due tra gli strumenti più innovativi montati sulla piattaforma di MetOp. Il primo fornisce dati sulla velocità dei venti vicini alla superficie terrestre, insieme alle loro direzioni, mentre il secondo fornisce informazioni sull’umidità atmosferica in ogni condizione meteorologica.

AMSU-A (Advanced Microwave Sounding Unit-A) è invece uno strumento americano, fornito grazie ad una partnership durevole tra NOAA ed Eumetsat, già operativo sui satelliti dell’ente ambientale USA e che provvede misure accurate di temperatura in tutte le condizioni.

GRAS ( Global Navigation Satellite System Receiver for Atmospheric Sounding) accoppia i dati ambientali con il posizionamento via GPS del satellite, fornendo inoltre i dati per la propagazione orbitale della posizione di MetOp in occasione delle manovre, in aggiunta alle usuali tecniche di ranging attraverso i passaggi sulle Ground Stations e doppler.

Tutti questi dati su scala il più possibile piccola costituiscono infatti l’input ai moderni sistemi computazionali di predizione meteorologica, o NWP (Numerical Weather Prediction), che comprendono modelli numerici complessi la cui soluzione è alla base delle moderne previsioni del tempo, per le quali NOAA e Eumetsat, assieme ad ESA con i satelliti del programma Explorer ed i futuri Sentinel, sono i maggiori contributori a livello mondiale.

Fonte: ESA

 

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=18484

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.