Ulteriori indagini sul software ritardano il decollo di Dragon

SpaceX ha annunciato che il lancio del cargo Dragon, inizialmente previsto per il prossimo 30 aprile, verrà posticipato di qualche giorno concedendo in questo modo al team degli ingegneri una proroga necessaria a svolgere ulteriori valutazioni sul software di volo.
L'esito degli ultimi test, effettuati lo scorso lunedì 23 aprile, ha spinto i tecnici a chiedere altro tempo.

Una nuova finestra di lancio si aprirà il prossimo 7 maggio ed al momento questa potrebbe realmente essere la data in cui Dragon partirà per il suo volo verso la Stazione Spaziale Internazionale, anche se nè la NASA nè SpaceX hanno rilasciato dichiarazioni in merito.

Negli stessi giorni, precisamente il 3 maggio, è in programma il lancio di un vettore Atlas con a bordo un satellite per telecomunicazioni dell'US Air Force. Un suo ritardo potrebbe compromettere l'eventuale decollo di Dragon del 7 maggio. Una nuova opportunità di lancio verrebbe offerta il 10 maggio, con arrivo sulla ISS il 13, ma questa data sarebbe troppo a ridosso di un lancio Soyuz dal Kazakistan, lancio destinato a portare un nuovo equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Il piano di volo di Dragon prevede di far giungere il cargo nei pressi della ISS circa due giorni dopo il lancio, eseguire una serie di manovre per validare il sistema di guida e quindi allontanarsi dalla Stazione Spaziale Internazionale per un giorno circa.

Dopo aver esaminato i dati telemetrici, i tecnici potrebbero dare a Dragon il via libera ad avvicinarsi alla ISS posizionandosi a meno di 30 metri di distanza da essa, consentendo al braccio robotico di afferrare il cargo per portarlo all'attracco su una porta del modulo Harmony.

Un lancio di Dragon da effettuarsi il 10 maggio darebbe una sola possibilità di backup di attracco alla ISS, dopodiché sarebbe necessario dare spazio alla Soyuz in arrivo il cui docking è previsto per il 17. Il cargo della SpaceX potrebbe tentare un nuovo attracco dopo il 17 sperando che vi sia abbastanza propellente a bordo.

Una ulteriore possibilità sarebbe attendere la conclusione della missione Soyuz, quindi attendere una finestra di lancio dopo il 17 maggio.

Fonte: Spaceflightnow.com

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=17549.new#new

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.