Accordo ESA/JAXA per la missione Astro-H

ESA e JAXA (Japanese Aerospace Exploration Agency) hanno stretto un accordo di cooperazione per la missione Astro-H, che fornirà un’opportunità unica per studiare i fenomeni più estremi dell’universo.

Astro-H studierà corpi celesti come i buchi neri e le stelle di neutroni, esplorerà l’universo non termico e investigherà la struttura dell’universo su larga scala e la sua evoluzione.
L’accordo è stato firmato il 16 marzo dal Prof. Alvaro Giménez Cañete (ESA Director of Science and Robotic Exploration) e dal Dr Junjiro Onoda (Director General of the Japanese Institute of Space and Astronautical Science – ISAS).

ESA fornirà a JAXA alcuni componenti hardware, supporterà la fase operativa e potrà eseguire osservazioni in base alle richieste degli scienziati e delle istituzioni, che verranno raccolte fra gli stati membri dell’agenzia spaziale.

Astro-H è la sesta di una serie di missioni dalla ISAS, dedicate allo studio dell’universo a raggi-X, iniziate con il lancio di Hakucko nel 1979 fino alla corrente missione Suzaku.

Astro-H analizzerà l’universo ad alta energia, tramite strumenti ad alta precisione e analisi spettroscopiche con moderata risoluzione spaziale nel campo energetico fra i 0,3 e i 600 keV.
La missione sarà equipaggiata con un set di strumenti unici e innovativi tra cui il Soft X-ray Imager (SXI) e l’Hard X-ray Imager (HXI) per acquisire immagini spettroscopiche nei valori di energie fra 0,4-80 keV; il Soft Gamma-ray Detector (SGD) per osservazioni ad alta sensibilità nei valori fra 40-600 keV e l’X-ray micro-calorimeter spectrometer (SXS-XCS) per analisi spettroscopiche di precisione nei valori di energia fra 0,3-12 keV.

Il lancio della missione, dal Tanegashima Space Centre, è previsto per il 2014.

Questo accordo segue una lunga serie di accordi fra ESA e JAXA nell’ambito delle scienze spaziali (ISO, Akari, BepiColombo), così come la cooperazione fra ESA e Giappone in altri campi, come l’osservazione della Terra (ALOS Date Node, EarthCARE), nell’ambito delle telecomunicazioni (Artemis/OICETS) e come partner della Stazione Spaziale Internazionale.

Fonte: ESA.

  Copyright Associazione ISAA 2006-2019 - Vedi qui i dettagli della licenza.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Filippo Magni

Appassionato di spazio, studente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Collabora all'amministrazione del forum come "Operations Officer". Scrive su AstronautiNEWS da maggio 2009.