Un altro passo in avanti per il J-2X

La Pratt & Whitney Rocketdyne ha completato il primo di una serie di test a caldo sul propulsore J-2X, che è in fase di sviluppo per conto della NASA. Il J-2X consentirà all’essere umano di spingersi nelle zone più remote dello spazio, infatti l’ente spaziale americano ha scelto il J-2X come upper stage per il nuovo heavy lifter Space Launch System (SLS) in fase di studio.
Si è trattato di un test alimentato, dedicato alla valutazione del range completo delle condizioni operative dei componenti del motore durante il volo.

Walt Janowsky, il program manager di J-2X per l’azienda del Connecticut, ha sottolineato l’importanza della riuscita di questo test e soprattutto del fatto che esso ha permesso agli ingegneri della PWR di raccogliere dati importanti e di comprendere al meglio l’operato delle turbopompe: “Ogni nuovo test ci avvicina sempre più alla certificazione finale del propulsore e siamo certi che il J-2X sarà pronto per portare gli esseri umani verso destinazioni nello spazio mai raggiunte prima; asteroidi e Marte inclusi. Siamo determinati a continuare a lavorare con la NASA per il futuro del volo spaziale umano.”

Il sistema di alimentazione è costituito da determinati componenti collocati sulla parte superiore del thruster. Essi includono il gas generator, le turbopompe per l’ossigeno e l’idrogeno criogenici, e le varie tubazioni, valvole, e controlli che portano i propellenti assieme nelle turbine delle due turbopompe. Pratt & Whitney Rocketdyne svolgerà test a caldo con il sistema di alimentazione nel corso della prossima estate, variando le pressioni, le temperature ed i flussi in gioco, per assicurare questo nuovo propulsore, derivato dai motori J-2 del vettore lunare Saturn V, al futuro dell’esplorazione spaziale umana.

La Pratt & Whitney Rocketdyne fa parte della United Technology Corp. ed è parte della Pratt & Whitney.

Fonte: Pratt & Whitney

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2023, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.