Pronta al primo trasferimento in rampa la MLP per SLS

E' ormai tutto pronto per il primo trasferimento dell'enorme piattaforma di lancio destinata al lanciatore SLS verso il pad 39B.
Inizialmente costruita per supportare il lancio di Ares I e più di recente riassegnata al più grande SLS, la Mobile Launch Platform verrà trasportata entro fine mese sulla rampa di lancio 39B, storico pad anch'esso sottoposto a pesanti riadattamenti negli anni scorsi una volta liberato dal programma Shuttle.

In attesa dell'inizio delle modifiche per poter essere utilizzata dall'SLS, la MLP verrà trasportata sul pad con uno degli attuali crawler per poter iniziare una lunga campagna di test e adattamenti alla configurazione che durerà diverse settimane.
Il pad 39B è attualmente in configurazione "pulita" e si è in attesa della scelta della configurazione definitiva per il sistema di fuga dal pad, con il primo progetto di un carrello su rotaia probabilmente scartato.

Il riposizionamento avverrà probabilmente il 16 novembre, ma dipenderà dal lancio di Curiosity e dalle sue variazioni, e servirà per validare una serie di parametri strutturali durante il viaggio di andata e di ritorno, l'interfacciamento fra le utenze al pad e quelle sulla piattaforma e il sistema di soppressione incendi della torre.
Proprio quest'ultimo test sarà altamente spettacolare con probabilmente un evento dedicato per i media, verrà infatti attivato il sistema di spegnimento incendi sulla torre con una valanga d'acqua che inonderà la struttura a tutti i livelli.

Una volta terminata questa prima campagna di test, probabilmente prima di fine anno, la torre tornerà nella sua posizione a fianco al VAB dove continueranno le modifiche e l'allestimento dei sistemi, non prima di subire però una riverniciatura completa per la protezione dagli agenti atmosferici e l'elevata salinità del posto.

Fonte: nasaspaceflight.com

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=16590.new#new

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.