Virgin Galactic sospende lo sviluppo del LauncherOne

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Virgin Galactic ha annunciato di aver sospeso, senza specificare se definitivamente o meno, lo sviluppo del LauncherOne, il lanciatore per piccoli payload in LEO, aviotrasportato con l’aereo madre WhiteKnight2.
Il lanciatore avrebbe trasportato payload fino a 200kg di peso in LEO al costo di 1-2 milioni di dollari.
Nel luglio 2009 il gruppo finanziario Aabar Investment di Abu-Dhabi aveva assicurato la copertura dei costi di sviluppo partecipando con 110 milioni di dollari se gli studi successivi avessero dimostrato la redditività del progetto.
Alla fine dello stesso anno Sir. Richard Branson aveva nominato Adam Baker a capo del progetto di sviluppo mentre era stata proposta la partecipazione anche al British National Space Centre (oggi UK Space Agency) ma senza successo.
Il sistema avrebbe dovuto entrare in servizio un anno circa dopo l’inizio delle attività commerciali della Space Ship Two ma attualmente il progetto sembra sia stato sospeso, con Baker che ha lasciato lo scorso mese la compagnia senza che venissero divulgati ulteriori dettagli.
Il CEO di Virgin Galactic, George Whitesides, ha dichiarato alla BBC che “E’ un’area potenzialmente interessante e Galactic potrebbe in futuro continuare il lavoro fin qui svolto. Non smetteremo di osservare questo settore”. E’ probabile che l’alta competitività in questa fetta di mercato con numerosi concorrenti già nel settore e una richiesta non troppo elevata abbiano fatto considerare troppo elevato il rischio di sviluppo per entrare in un target di vendita già molto agguerrito.
Il core business della Compagnia sembra invece procedere come previsto con l’entrata in servizio operativo della Space Ship Two con passeggeri a bordo entro 18 mesi.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=14090.new#new

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Potrebbero interessarti anche...