Siglato contratto per le operazioni del sistema Galileo

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La firma del contratto tra ESA e Spaceopal, l'impresa congiunta formata da Telespazio e dalla tedesca GfR mbH che si occuperà dei servizi a terra per la gestione del sistema Galileo, è un altro anello nella catena di accordi necessari al sistema di navigazione europeo.
 
L'accordo firmato il 25 ottobre a Bruxelles tra René Oosterlink, Direttore del Programma dell'ESA Galileo e attività di Navigazione, e Francesco D'Amore e Hubertus Wanke, entrambi amministratori delegati di Spaceopal, è il quarto dei sei pacchetti (Galileo Work Packages, WPs) identificati dalla Commissione Europea e dall'ESA come i minimi necessari per il raggiungimento della piena operatività di Galileo (Galileo's Full Operational Capability, FOC).

Gli accordi WP1, WP4 e WP5 sono stati siglati in gennaio. Il WP2 per le missioni a terra ed il WP3 per il controllo da terra devono ancora essere finalizzati. Questo è il WP6 che copre tutte le attività relative al completamento della Validazione in Orbita (IOV).

Fonte: ESA

  Ove non diversamente indicato, questo articolo è © 2006-2023 Associazione ISAA - Leggi la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.