NASA cliente del Google XPrize

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

L’ente spaziale americano ha annunciato lo scorso 15 ottobre che acquistera’ dati relativi a missioni lunari di tipo innovativo da sei teams partecipanti all’X PRIZE di Google.  Le squadre interessate sono Astrobotic, Next Giant Leap, FREDNET, Omega Envoy, Rocket City Space Pioneers ed il nuovo partecipante Moon Express. A ciascuna di esse la NASA ha assegnato un contratto aperto di valore minimo di 10mila dollari; i contratti prevedono di poter effettuare ulteriori forniture di dati lunari fino a concorrenza della somma di 10 milioni di dollari, tramite il programma Innovative Lunar Demonstrations Data.

L’oggetto della compravendita e’, in pratica, il know-how che i concorrenti di X Prize svilupperanno nell’ambito delle missioni lunari low cost. Per ottenere l’intero ammontare di 10 milioni, i teams dovranno fornire pacchetti di dati di vario genere, rispettando delle fasi realizzative prestabilite; ad esempio, i dati riguardanti i test condotti a terra avranno un valore di un milione di dollari. Evidentemente, il grosso della compravendita riguardera’ i risultati conseguiti durante il volo e successivamente sulla superficie lunare.

Al di la’ del valore nominale della commessa (piuttosto ridotto per gli standard di una Agenzia federale), cio’ che piu’ si sottolinea da parte della Fondazione X Prize e’ il segnale implicito, ovvero che la NASA e’ disposta a comprare dati lunari anche da piccole realta’ imprenditoriali. La speranza e’ che cio’ dia origine ad un sostanziale sviluppo del settore.

Inoltre, la NASA potrebbe cosi’ riacquistare il suo ruolo di protagonista principale nella cosiddetta fase 2.0 dell’esplorazione lunare, ovvero la sostenibilita’ finanziaria del progetto selenico da raggiungersi tramite la cooperazione internazionale e quella tra i settori pubblico e privato.

Ricordiamo che l’obiettivo dell’X Prize lunare e’ portare sulla luna un robot che sia in grado di percorrere almeno 500 metri e trasmettere immagini HD e riprese video a terra. Il premio per il primo team che riuscira’ nell’impresa e’ di 20 milioni di dollari, con 5 milioni per il secondo arrivato. Sono inoltre previsti ulteriori guadagni per quelle squadre che dovessero riuscire a raggiungere obiettivi piu’ specifici e tecnicamente complicati, quali percorrere almeno 5 km, sopravvivere alla notte lunare o visitare il sito di una precedente missione. La scadenza della competizione e’ fissata per il 2015, mentre i partecipanti sono, al momento, piu’ di venti.

Fonte: XPrize Foundation

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=14188.new#new

Paolo Actis

Paolo collabora con AstronautiNEWS fin dal maggio 2008.