ISS Daily Report – Mercoledì 27 Ottobre 2010

ISS Daily Report Mercoledì 27 Ottobre 2010

A Baikonur il nuovo cargo Progress M-08M/40P è stato lanciato alle 11:11 am, rispettando il programma di volo.
L’ascesa e tutti si sistemi di bordo sono stati nominali, il docking al boccaporto nadir di DC-1 è previsto per il prossimo Sabato 30/10.

Oleg Skripochka ha portato al termine la sua seconda sessione sperimentale di Sonokard (che impiega una Sport Shirt con uno speciale dispositivo, nell’ottica di acquisire dati fisiologici senza usare sensori a contatto con il corpo umano con i dati che vengono registrati su una apposita scheda).

Lavorando sul sistema ESA VIS (Vessel ID), Wheelock ha sostituito l’unità ricevente con un ricambio. I vari step hanno incluso la disinstallazione del ricevitore LUXAIS in anomalia e l’installazione al suo posto del NORAIS, la sistemazione dei necessari cablaggi nonche le dovute riprese fotografiche del lavoro svolto. Il sistema ESA per il tracking navale è un esperimento che affianca il compito del satellite norvegese AISSat-1 con a bordo il suo specifico AIS (sistema di identificazione automatica) il sistema del traffico costiero a breve raggio, utilizzato dai servizi per il traffico di navi, in tutto il mondo. NORAIS (Norwegian AIS) rappresenta un miglioramento di IAS. L’alternativo LUXAIS è stato costruito in Lussemburgo. Gli obiettivi principali del sistema LUXAIS e NORAIS sono la ricezione e decodifica dei messaggi AIS a livello globale e a contribuire allo sviluppo di un sistema operativo. Tutto ciò è finanziato da ESA GSTP (General Support Technology),

Dopo aver familiarizzato un po’ con le procedure di SPHERES, Scott Kelly si è collegato in teleconferenza con i responsabili di sviluppo, per discutere alcuni dettagli.

Shannon e Fyodor hanno completato una ulteriore sessione di prove per la manovra di RPM (R-bar Pitch Maneuver) da eseguirsi all’avvicinamento del Discovery. Sempre Shannon, ha avuto un prolungato collegamento audio con gli specialisti per discutere i vari aspetti delle operazioni robotiche da svolgere con il braccio SSRMS, a supporto della mission ULF5 (in particolare per quanto riguarda il trasferimento del nuovo modulo PMM -Permanent Multi-purpose Module- Leonardo).

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.