ASI: nuovi accordi con NASA, Giappone e Corea

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Cala il sipario sull’edizione numero 61 del Congresso Astronautico Internazionale, l’appuntamento mondiale più atteso per l’intero settore che si era aperto lo scorso 27 settembre a Praga. E il bilancio chiuso dalla delegazione dell’Agenzia Spaziale Italiana, guidata dal presidente Enrico Saggese, può senza dubbio dirsi molto positivo. Non solo, infatti, è stato affrontato il tema dello sviluppo di nuove ricerche scientifiche all’interno della Stazione Spaziale Internazionale, ma sono stati anche firmati cinque nuovi accordi di collaborazione con la NASA e con le agenzie spaziali di Giappone e Corea.

“E’ opportuno che le agenzie che hanno promosso la Stazione spaziale, prendano in esame la necessità di destinare a nuovi programmi di ricerca una quota dei finanziamenti, oggi quasi interamente assorbiti dai costi di mantenimento della ISS”  ha affermato Enrico Saggese dopo un incontro con i rappresentati della NASA e dell’Agenzia Spaziale Canadese, membri della ISS.

Il primo dei cinque accordi di collaborazione è stato firmato con la NASA e prevede l’estensione, oltre la scadenza di febbraio 2011, del programma scientifico dell’osservatorio spaziale Swift per la rilevazione e lo studio di sorgenti esplosive come i raggi gamma. I tre accordi firmati con l’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA), comprendono invece un accordo quadro per la cooperazione bilaterale su molteplici attività, tra cui l’osservazione della terra e l’ISS, e due accordi per lo studio sulla propulsione liquida e sulla propulsione ibrida. Infine, l’accordo quadro firmato con l’Agenzia coreana KARI riguarda la collaborazione nei settori della ricerca e delle telecomunicazioni spaziali, nell’osservazione terrestre e nella formazione.

Fonte: ASI

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=14080.new#new

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.