Un altro lancio da Plesetsk

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Lo scorso 2 Giugno un razzo Rockot con a bordo un satellite SERVIS-2 è stato lanciato dal Cosmodromo di Plesetsk nella parte settentrionale della Russia, alle 05:59 a.m. ora di Mosca.
Le fasi iniziali del lancio si sono svolte nominalmente, con i primi due stadi del booster che si sono separati dal segmento orbitale secondo il programma. Di seguito, l’upper stage Breeze KM ha iniziato la serie di manovre che gli hanno permesso di collocare il carico utile nell’orbita eliosincrona prevista, ad una quota di 1200 km.

Il SERVIS-2 (Space Environment Reliability Verification Integrated System) è il secondo satellite del programma dell’istituto per l’Unmanned Space Experiment Free Flyer (USEF) di Tokyo, nell’ambito di un contratto stipulato con il Ministry of Economy, Trade and Industry (METI) e la New Energy and Industrial Technology Development Organization (NEDO). Lo scopo di SERVIS-2, che ha una massa al lancio di 736 kg, è quello di testare il comportamento di componenti e tecnologie Commercial-Off-The-Shelf (COTS) nelle condizioni critiche dell’ambiente orbitale.

Il contratto per il lancio di SERVIS-2 con un vettore russo Rockot è stato firmato dall’USEF e dalla Eurockot Launch Services GmbH di Brema, Germania, nel 2007.

Come è noto, la Eurockot Launch Services GmbH è la joint venture fra l’EADS Astrium (51 %) e il Khrunichev State Research and Production Space Center di Mosca (49 %), e fornisce lanci in LEO tramite il vettore Rockot LV costruito appunto dal Khrunichev Center.
Quello del SERVIS-2 è stato il decimo lancio effettuato dalla società tedesca,e nei precedenti nove lanci sono stati collocati nelle proprie orbite corrette ben 19 satelliti a partire dal primo lancio effettuato nel Maggio del 2000. Il 2 Novembre dello scorso anno, sempre da Plesetsk, sono stati con successo lanciati i satelliti SMOS e PROBA-2 dell’Agenzia Spaziale Europea, mentre lo scorso mese di Aprile Eurockot ha firmato un contratto per altri due lanci sempre con l’ESA per il 2012: la costellazione dei tre satelliti del sistema SWARM Earth Explorer costruiti da Astrium, ed un altro satellite ancora da definire.

Il Rockot è un lanciatore a tre stadi a propellente liquido nato dalla conversione civile dell’ICBM RC-18 (SS-19).  Esso è composto dal booster e dall’upper stage Breeze KM. Il booster altro non è che i due stadi dell’SS-19. Il Khrunichev Space Center di Mosca progetta e costruisce sia il sistema di lancio Rockot che l’upper stage Breeze KM.

Sempre l’Eurockot, nell’Ottobre del 2003, sempre dal Cosmodromo di Plesetsk, ha lanciato il satellite SERVIS-1.

Fonti: Roscosmos, Eurockot

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)