ISS Daily Report – Venerdì 26 Marzo 2010

ISS Daily Report  Venerdì 26 Marzo 2010

In questa giornata l’equipaggio ha condotto una esercitazione OBT (Onboard Training) che simula una condizione di depressurizzazione rapida, in queste occasioni gli specialisti russi e US restano per tutto il tempo in consolle come supporto all’equipaggio in caso di domande o commenti. Con questa attività l’equipaggio fa pratica, coordinandosi tra loro e con i centri di controllo missione per gli interventi di contenimento e per l’immediato abbandono della Stazione.
L’esercitazione non prevede solo la sequenza di emergenza più immediata ma comprendere poi una serie di verifiche che vanno dal controllo dei materiale alla memorizzazione delle posizioni dei comandi necessari all’emergenza. L’esercitazione è culminata con un debrief di 10 min con gli specialisti per i commenti del caso.

Lavorando in US Airlock Soichi ha terminato la ricarica delle batterie delle EMU che verranno utilizzate per la prossima mission 19A. Noguchi ha inoltre preparato diversi strumenti di lavoro come le PGT (Pistol Grip Tools) e altro materiale. Soichi si è dedicato anche al controllo delle due unità SAFER (Simplified Aid For EVA Rescue) che servono per il movimento autonomo di emergenza qualora l’astronauta all’esterno perdesse i vincoli (cavi con moschettoni) con la Stazione, fluttuando alla deriva nello Spazio.

– alle 8:15 am, l’equipaggio ha avuto 30 min di teleconferenza con i tre membri di TMA-18 che arriveranno per il prossimo 04 Aprile.
– alle 10:25 am, si sono radunati per la periodica bisettimanale teleconferenza con il JSC Astronaut Office (Steve Lindsey).
– alle 12:40, l’equipaggio ha condotto un evento PAO TV inviando tre separati messaggi in formato HD: 1) una registrazione a uso e consumo di NASA TV – 2) saluti al NAB (National Association of Broadcasters), un convegno sulla tecnologia che si terrà il 12-15 Aprile a Las Vegas e – 3) gli auguri al 100° anniversario della Naval Postgraduate School che avrà il suo giorno di cerimonia nella seconda parte del mese di maggio a Monterey in California.

CDRA aggiornamento: dopo gli interventi di Creamer al CDRA, ora due su tre sensori funzionano e il dispositivo può riprendere il servizio,

WRS aggiornamento: ieri l’equipaggio ha cercato la teorica perdita di acqua ma senza riscontrare nulla di anomalo, neppure una volta ribaltati i due racks per vedere se dietro ci fosse la perdita. Dal momento che nulla è stato trovato, tutte le procedure successive sono state annullate e gli specialisti hanno iniziato una nuova ipotesi di lavoro.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.