Due draghi sul delta del Mississippi ripresi da Cosmo-Skymed

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

L’immagine è stata “scattata” dal satellite COSMO-1 del sistema COSMO-SkyMed la mattina del 29 aprile. Sembra riprodurre due enormi draghi che si fronteggiano sul delta del Mississippi, nel golfo del Messico. Ma mentre uno è immobile, l’altro, quello più scuro, si muove lambendo le coste della Louisiana. E’ la gigantesca macchia di petrolio originatasi dall’incidente alla piattaforma Deepwater Horizon della British Petroleum, un disastro ecologico probabilmente ancora più grave di quello della provocato dalla superpetroliera Exxon Valdez  naufragata al largo dell’Alaska il 24 marzo del 1989.

“COSMO SkyMed, il sistema satellitare italiano di osservazione della Terra, è stato subito attivato e continuerà a monitorare la situazione” assicura Alessandro Coletta, mission manager ASI di COSMO. L’immagine dà un’idea abbastanza eloquente dell’incredibile estensione della perdita di greggio. “Questa è la seconda – spiega Coletta – e come quella scattata il 28 aprile sempre da COSMO-1, è stata effettuata in modalità Scansar-Wide con una ampiezza di 100 km (100 km Swoth) e una risoluzione di 30 metri”.

Fonte: ASI

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Potrebbero interessarti anche...