STS-130: L’ultimo lancio notturno dello shuttle rischiara il cielo della Florida

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Lo space shuttle Endeavour ha illuminato il cielo ancora scuro sulla [i]Space Coast[/i] della Flordia anticipando l'alba di lunedì alle 4:14 ora locale (10:14 CET), ora in cui è partito dal Kennedy Space Center della NASA. L'ultimo lancio in notturna programmato ha dato il via al volo di 13 giorni verso la Stazione Spaziale Internazionale, nonché all'ultimo anno di operazioni dello shuttle.

La missione STS-130 includerà tre passeggiate spaziali e la consegna del nodo 3 Tranquility, la parte finale della porzione statunitense della stazione. Tranquility apporterà nuovo spazio per i membri dell'equipaggio e per molti dei sistemi di controllo del supporto vitale e ambientali.

Attaccato a Tranquility c'è una cupola con sette finestre, che contiene una stazione di controllo robotica. Le finestre forniranno una vista panoramica della Terra, dei corpi celesti, e delle navicelle spaziali in visita. Dopo che i moduli di fabbricazione italiana saranno aggiunti, la stazione sarà completa al 90%.

Poco prima del lancio, il comandante George Zamka ha detto: "Grazie al grande gruppo che ha portato Tranquiity, Cupola ed Endeavour a questo punto. E grazie al gruppo che ci ha resi pronti per portare il Nodo 3 e Cupola alla vita. Ci vediamo tra un paio di settimane. È tempo di andare a volare."

Zamka è affiancato dal pilota di volo Terry Virts e dagli specialisti di missione Kathryn Hire, Stephen Robinson, Nicholas Patrick e Robert Behnken. Virts è al suo primo volo spaziale.

Il decollo è avvenuto dopo un giorno di posticipo dovuto alle nuvole, ed è durato i classici otto minuti e mezzo, dopodiché lo shuttle ha cominciato il suo inseguimento della stazione. L'attracco all'avamposto spaziale è programmato per mercoledì alle 6:09 CET. A bordo della stazione ad attendere l'equipaggio di STS-130 ci sono i membri della spedizione 22: il comandante Jeff Williams e gli ingegneri di volo Max Suraev, Oleg Kotov, Soichi Noguchi e T.J. Creamer.

Subito dopo aver raggiunto l'orbita, l'equipaggio di Endeavour ha convertito lo shuttle da un veicolo di lancio ad una navicella spaziale. I portelli della stiva di carico sono stati aperti dopo poco meno di un'ora e mezza dal lancio. Inoltre è stata compiuta la prima di una serie di manovre orbitali che servono ad avvicinare la rotta dello shuttle a quella della stazione. Prima di iniziare il loro primo periodo di sonno nello spazio, alle 15:15 CET, gli astronauti hanno controllato il braccio robotico dello shuttle ed ispezionato il carico.

Fonte: NASA

Giacomo Boschi

Giacomo ha collaborato con AstronautiNEWS fino al giugno 2010.