Prove generali per STS-130

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Oggi l'equipaggio di STS-130 ha simulato un effettivo countdown di lancio, in ogni sua parte.
Dopo aver indossato le caratteristiche tute arancioni (ACES), gli astronauti sono stati trasportati al pad 39A a bordo dell'Astrovan, attorno alle 14:00 (CET).
Lì hanno preso i propri posti all'interno della cabina dello Space Shuttle Shuttle; una volta accomodati, è iniziata la normale procedura di lancio, comprensiva anche di alcune pause (hold) tipiche del conto alla rovescia.
Il countdown si svolto in modo nominale; è stato arrestato in modo programmato solo a pochi secondi dal momento fatidico del lancio, precisamente a T-4 secondi; quando in Italia erano le 17:05.
A questo punto è iniziata la simulazione di aborto del lancio; istantaneamente sono state attivate le procedure di evacuazione del pad e sono entrati in operazione i team di emergenza.
Gli astronauti, dopo aver abbandonato la cabina, hanno utilizzato gli speciali carrelli e cestelli di emergenza per scendere velocemente, dalla cima della torre di lancio, fino alle pendici del pad, dove hanno potuto trovare rifugio in un bunker appositamente realizzato. Da questo luogo avrebbero avuto la possibilità di allontanarsi dalla zona utilizzando i veicoli blindati M113.

La simulazione di oggi è l'attività culminante di una serie di esercizi di allenamento preparatori al lancio. La sessione tenutasi in questi giorni è conosciuta come Terminal Countdown Demonstration Test. L'evento si svolge qualche settimana prima del lancio per permettere all'equipaggio di interiorizzare le numerose procedure di emergenza e per fare pratica con attrezzature e strumenti necessari durante la missione.

Approfittando della permanenza al KSC l'equipaggio avrà la possibilità di ispezionare il payload della missione (Nodo 3 Tranquility e Cupola), installato mercoledì scorso nella stiva di Endeavour.

Gli astronauti torneranno a Houston Venerdì, per terminare l'addestramento al JSC.

La missione STS-130 è la prima dell'anno, inaugura la serie degli ultimi cinque voli della navetta spaziale americana, prima del pensionamento, programmato per fine anno.

Fonte: NASA

  © 2006-2019 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Filippo Magni

Appassionato di spazio, studente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Collabora all'amministrazione del forum come "Operations Officer". Scrive su AstronautiNEWS da maggio 2009.