Allarme detrito per la ISS

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Alle 17:45 CET di oggi è stato diramato un allarme per la ISS.
I controllori di volo stanno monitorando un detrito spaziale che dovrebbe avvicinarsi alla Stazione con momento di massimo avvicinamento alle 4:48 CET di questa notte.
Kelly Humphries, dell'ufficio stampa del controllo missione a Houston ha detto che questo particolare detrito viene monitorato da diversi giorni, ma risulta molto difficile da seguire a causa della sua invisibilità ad alcune delle stazioni di rilevamento orbitale, causando così una discreta incertezza riguardo la sua esatta posizione e quindi la sua traiettoria.

Attualmente gli astronauti a bordo della Stazione sono 6, il comandante Frank De Winne, Roman Romanenko, Robert Thirsk, Maxim Suraev, Nicole Stott e Jeffrey Williams. Si tratta del primo comando assegnato ad un astronauta ESA e sarebbe anche la prima volta per l'equipaggio esteso a sei componenti se si dovesse rifugiare nelle "scialuppe di Salvataggio", le due capsule Sojuz ormeggiate alla ISS.

Il lavoro al centro di controllo è febbrile e tutti i tecnici stanno lavorando per avere informazioni precise riguardo la possibile collisione.
Questo soprattutto per poter eventualmente avvertire l'equipaggio e permettergli di chiudere tutti i portelli stagni della Stazione ed entrare nelle capsule.

Per ora non ci sono pericoli per l'equipaggio e quindi siamo in stato di pre-allarme, anche se l'incertezza sul punto in cui passerà questo detrito è molta: alcuni calcoli lo danno a 5 km di distanza mentre altri lo posizionano a soli 500 metri. Sarà sicuramente da escludere una eventuale manovra DAM (Debris Avoidance Maneuver) con i motori presenti a bordo, il tempo a disposizione è troppo esiguo anche solo per capire in che direzione effettuare la DAM stessa.

I livelli di allarme a bordo della ISS sono 2:
– giallo con 1/100'000 probabilità d'impatto
– rosso con 1/10'000 probabilità d'impatto.
Fino alla condizione gialla non si eseguirà nulla di particolare, fra giallo e rosso si eseguiranno tutte le operazioni che non hanno ripercussioni sul programma normale della Stazione, mentre in condizione di Allarme Rosso si farà ogni cosa utile per l'incolumità dell'equipaggio (prima) e della Stazione (poi).

Per oggi non si ha ancora una stima della probabilità d'impatto.

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Luigi Morielli

Luigi ha collaborato con AstronautiNEWS fino al luglio 2010. Da allora si e' trasferito in pianta stabile sul suo blog personale Astrogation - http://astrogation.blogspot.com - e cura la rubrica di Astronautica sulla rivista Coelum.