Completato con successo il test di accensione del primo stadio del Falcon 9

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La SpaceX ha condotto con successo due accensioni statiche del primo stadio a nove motori del proprio lanciatore Falcon 9. Le accensioni sono avvenute presso lo SpaceX's Texas Test Site, un'installazione per l'esecuzione di tests strutturali e propulsivi di circa 120000 m2, appena fuori di Waco, Texas. A seguito del completamento di questi tests il primo stadio è stato dichiarato idoneo per essere spedito a Cape Canaveral.

Lo scorso 12 Ottobre, alle ore 7:30 pm CDT è avvenuto il primo test, che ha implicato un'accensione di 10 secondi; mentre il 16 Ottobre alle 4:30 pm CDT è avvenuta la seconda accensione, che è durata 30 secondi.

Il primo stadio del vettore Falcon 9 della SpaceX è composto da un cluster di 9 propulsori Merlin progettati e costruiti dalla stessa azienda di Elon Musk. Essi utilizzano kerosene ed ossigeno liquido come propellenti ed assieme generano una spinta di circa 450000 kg al liftoff. Il motore Merlin è l'unico propulsore a propellenti liquidi progettato negli Stati Uniti negli ultimi decenni ed è fra i più performanti motori a kerosene mai costruiti, escludendo il main engine del Delta II della Boeing, quello della Lockheed Martin per l'Atlas II ed al pari con il motore F-1 del Saturno V.

Il prossimo mese lo stadio verrà spedito al launch site di SpaceX a Cape Canaveral, per iniziare la fase di integrazione del veicolo in vista del suo debutto. Il volo inaugurale del Falcon 9 sarà un volo dimostrativo che lancerà in orbita una qualification unit della capsula Dragon che fornirà agli ingegneri di SpaceX le informazioni sull'aerodinamica e sulle performance

Nella spettacolare immagine ammiriamo un istante dello svolgimento della prima accensione di 10 secondi.  (C) SpaceX.

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)