Aggiornamenti da Marte

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Le sonde MER Spirit ed Opportunity continuano, nonostante i noti problemi, ad effettuare ricerche scientifiche sul suolo marziano.

[b]Opportunity[/b] ha trascorso diversi Sol ferma per fornire alla ruota danneggiata un periodo di riposo in previsione del viaggio verso il cratere Endeavour. Il periodo di blocco è stato utilizzato per esaminare con lo spettrometro Mossbauer (MB) indagini su rocce particolarmente interessanti del luogo. Le indagini si sono compiute con la tipica procedura che prevede dapprima l’indagine microscopica del suolo, l’abrasione della superfice e poi la spettrofotometria. Tutte le fasi dello studio si sono compiute positivamente.

Anche la ruota ha beneficiato del periodo di stop e il 16 Luglio (Sol 1947) Opportunity ha cominciato nuovamente il suo cammino, su un nuovo percorso teso ad evitare una serie di dune sabbiose.

Il suo percorso è stato modificato il 23 Luglio (Sol 1954) quando il Rover è stato diretto verso un acciottolato particolarmente scuro denominato “Block-Island”; dopo cinque giorni di viaggio il MER-B è giunto nella suddetta località dove ha iniziato le analisi del suolo.

Un particolare dello stato climatico del luogo è la perdurante, totale, assenza di vento.

Al 28 Luglio (Sol 1959) Opportunity ha percorso 17.224,82 m; le celle solari hanno produzione energetica di 467 Wh  e il 57% della luce solare colpisce le celle stesse.

Spirit, dal canto suo, continua ad esaminare con molta precisione il terreno attorno costretto, dal noto insabbiamento, alla totale immobilità.

I primi risultati addirittura parlano di presenza di minerali con modificazioni indotte dall’associazione con acqua.

Il bersaglio di tali esperimenti è un punto specifico di “Troy” (il nome dato al sito in cui è immobilizzato il Rover) denominato “Cyclops Eye”; qui sono eseguite indagini microscopiche e di abrasione del terreno per poi poter ottenere i dati dall’analisi spettrometrica. Il terreno ottenuto dalla sua abrasione è anche studiato per mezzo dello strumento APXS.

Continua anche la rilevazione fotografica del luogo sia diurna che notturna per mezzo della Pancam della sonda.

Al 29 Luglio (Sol 1980) la produzione d’energia solare è di 914 wh, con opacità atmosferica di 0,380.

A terra contemporaneamente prosegue il lavoro per poter sbloccare il Rover.
Sono stati sequenziati una serie di comandi al MER-A, specifici a parti motorizzate, tesi a valutarne la resistenza e ridurre la coppia. Contemporaneamente al Sandbox continuano i test con un terreno multisoil.
Tutti questi studi sono in previsione del prossimo primo comando di movimento che sarà a breve inviato a Spirit.