Astrium si aggiudica un contratto per dimostratore di lander lunare Europeo

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

EADS, attraverso la controllata Astrium, si è aggiudicata un contratto di 1 milione di Euro circa con DLR (Agenzia Spaziale Tedesca) per uno studio di fattibilità su un lander lunare di concezione Europea.
La fase successiva di questo studio preliminare, che durerà 9 mesi circa, sarà la costruzione e successiva prova in volo, di un modello reale di lander lunare da impiegare in condizioni simulate di landing, sulla Terra, con una procedura di avvicinamento che partirà da circa 1.5km di altezza e si svolgerà in un luogo da definire, a seconda dei requisiti di terreno prescelti, in Germania, per arrivare ad un atterraggio morbido e controllato.
Per il prototipo dovranno essere sviluppati dei nuovi e innovativi sistemi di guida ottica per poter atterrare in sicurezza anche su terreni accidentati e un sistema propulsivo estremamente preciso per il controllo della navigazione e dell'assetto.
Le tecnologie per questo tipo di sistemi sono solo attualmente disponibili oggi in Europa e la sfida per il prossimo decennio, che culminerà con l'invio di un lander "made in EU" sulla Luna, richiederà prima una lunga e approfondita sperimentazione a terra.
La campagna di test che seguirà lo studio e la realizzazione del prototipo si articolerà su diversi voli, che testeranno i sistemi di atterraggio di precisione, la capacità di evitare ostacoli e il sistema di controllo del lander.

Attualmente Astrium sta anche realizzando un ambiente di prova, sempre su commissione DLR, per la sperimentazione di allunaggi e atterraggi su marte di lander automatici, confermando la leadership in Europa dell'azienda nei sistemi spaziali di navigazione e atterraggi automatici.

  Copyright Associazione ISAA 2006-2021 - Vedi qui i dettagli della licenza.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.