Una EVA e una IVA previste nei prossimi mesi sulla ISS

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Le prossime attività extraveicolari che vedranno impegnato parte dell'equipaggio della ISS sono attualmente programmate per il 5 e 10 giugno rispettivamente e vedranno, attraverso l'utilizzo dell'attrezzatura russo, lo svolgimento rispettivamente una EVA e una IVA, quest'ultima la prima dal 2001 quando fu eseguita la prima ed ultima IVA sulla ISS.
La EVA-22 Russa del 5 Giugno, anche se attualmente ancora in fase di definizione, vedrà impegnati Genady Padalka e Michael Barratt all'esterno della ISS principalmente per agganciare all'esterno di Zvezda un'antenna di docking per i futuri mezzi di rifornimento, porteranno all'esterno il rack di esperimenti Europeo EXPOSE-R e ritireranno quello russo per ricerca biomedica.
La seconda attività, programmata per il 10 Giugno, anche se ufficialmente nominata EVA-23 si svolgerà completamente all'interno della stazione e si tratterà di una IVA con impegnati gli stessi astronauti.
L'obiettivo di questa attività che richiederà la depressurizzazione del "Transfer Compartment" di Zvezda che collega questo modulo a Zarya per scambiare due pannelli protettivi dei portelli (quello superiore con quello inferiore) in previsione dell'installazione di MRM-2.
Attualmente il portello superiore contiene già il cono di aggancio che verrà utilizzato per fissare MRM-2, per cui quello attualmente nella parte inferiore verrà spostato nella parte superiore e quello in tale posizione portato nel punto di aggancio del nuovo modulo.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.