ISS Daily Report – Martedì 7 Aprile 2009

ISS Daily Report – Martedì 7 Aprile 2009

Mike Finke ha portato al termine il suo ultimo prelievo biologico (saliva) all'interno del programma Integrated IMMUNE (Validating Procedures for Monitoring Crew member Immune Function), campionatura che pioi ha stoccato all'interno della Soyuz. Come Fincke anche Barratt si è sottoposto al prelievo, i campioni devo essere presi appena dopo il risveglio e prima di qualsiasi tipo di attività come mangiare, bere o spazzolarsi i denti. I campioni in questo caso vengono conservati a temperatura ambiente.

Yuri e Gennady hanno praticamente terminato di trasferire i payloads biotecnologici russi, da portare a Terra.
Wakata da parte sua aveva in programma, la ripresa fotografica della Luna da uno degli oblò del modulo JPM. Dopodiche, Koichi ha chiuso le protezioni degli oblò in previsione della partenza della Soyuz che averrà nella notte e si è assicurato che l'apparato radioamatoriale fosse completamente disattivato.

Con la TMA-13 non più disponibile come veicolo di ritorno in caso di imprevisti, Gennady ha trasferito i tre manuali procedurali nel nuovo veicolo adibito al rientro in emergenza, la TMA-14, attraccata al boccaporto di poppa.

Tutto è pronto per la partenza, l'inizio della fase di partenza è previsto per le 7:25 pm con i tradizionali saluti di commiato tra Exp.18 (a cui ha partecipato anche Charles Simonyi) e il nuovo equipaggio di Exp.19.

Mike Fincke ha preso posto all'interno del modulo di discesa alle 7:35 pm e ha iniziato le procedure standard di comunicazione e check degli apparati. Da parte sua Padalka all'interno di SM attivava e controllava a sua volta il sistema di comunicazione. Yuri e Simonyi hanno preso posto a loro volta. Quando tutto è stato pronto, Mike e Yuri hanno attivato la Soyuz e chiuso i portelloni, con l'assistenza di Padalka e Barratt. Poi, i tre hanno dovuto attendere i 60 min. standard per le verifiche di eventuali perdite delle tenute.

Con la partenza della Soyuz, Gennady ha verificato che l'esperimento Russo DAKON (che utilizzando gli accelerometri, ha l'obiettivo di contribuire ad aggiornare modelli matematici dell'ambiente gravitazionale della ISS), funzionasse regolarmente per registrare i dati nel momento del distacco della navicella. Successivamente Padalka ha attivato il nuovo sistema Istochnik, installato di recente per la telemetria tra Soyuz e ISS.

Il distacco con l'apertura dei ganci è avvenuto in perfetto orario, alle 11:52 pm EDT.

Con la partenza di TMA-13 l'equipaggio Exp.19 ha eseguito tutta una serie di task post-undocking come ad esempio:
* riconfigurazione dei links di comunicazione a bordo.
* riposizionamento manuale della valvola PEV (Pressure Equalization Valve)
* monitoraggio degli eventi della Soyuz con il sistema Istochnik.

Allerta detriti:
si prevede una nuova congiunzione con un detrito spaziale (Object 29822, Chinese Fengyun-1C debris) che è sotto indagine. La tracciatura prevede un TCA (Times of Closest Approach – Tempo/Distanza di Sfioramento) per il giorno 9 alle 07:59 am EDT ( U.S. east coast time) con una miss distance complessiva di circa 14,9 Km. La decisione per una manovra DAM  (Debris Avoidance Maneuver) verrà presa il giorno 8

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.