Il lancio di Lunar Reconnaissance Orbiter ritardata a Giugno

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Considerati i ritardi del lancio di Wideband Global SATCOM col razzo Atlas5 la NASA ha deciso di rinviare il lancio della missione congiunta Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) e  Lunar Crater Observation and Sensing Satellite (LCROSS) da maggio a giugno.

I tecnici sono impegnati nella valutazione delle finestre di lancio più idonee; infatti, si deve decidere se utilizzare la prima finestra utile: il 2 Giugno o attendere la successiva che si aprirà il 17 Giugno.

Un razzo Atlas5 dell’United Launch Alliance invierà la navicella spaziale, ma l'assemblaggio non potrà iniziare fino a quando non avverrà il volo del satellite militare di telecomunicazioni Wideband Global SATCOM; previsto per Venerdì.

Gli elementi d’Atlas5 sono assemblati all’interno del Vertical Integration Facility (VIF) del Complesso di Lancio 41 di Cape Canaveral. Il roll verso il Pad avverrà, poi un giorno prima del lancio.

Al momento il primo stadio Atlas e il secondo stadio Centaur  sono stoccati  al vicino impianto di prova e d’immagazzinamento fino a quando l'edificio d’assemblaggio non si renda disponibile.

LRO orbiterà intorno alla luna per creare mappe dettagliate del terreno lunare, ricercare la composizione minerale e eventuali risorse naturali. La missione è considerata un importante precursore nei piani della NASA per l'esplorazione umana della luna prevista per il prossimo decennio.

LCROSS utilizzerà la spinta dello stadio superiore Centaur per eseguire un impatto in un cratere della regione polare della Luna, in ombra permanente, alla ricerca d’acqua congelata. L’osservazione e studio della nube di detriti creati dalla collisione potrebbe determinare se ghiaccio d'acqua sia presente sulla luna.